Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto di asilo: evoluzione ed applicazione della tutela in Italia e all'Interno dell'Unione Europea

L’istituto dell’asilo ha radici molto profonde e risalenti nel tempo: si potrebbe affermare, senza correre il rischio di esagerare, che si tratti di un concetto connaturato all’essere umano, in virtù della sua indole ancestrale al movimento per la quale si può parlare sin dall’antichità di "homo migrans".
L’argomento è tuttavia di assoluta attualità e coinvolge in primo piano l’Italia, con conseguenti dibattiti ed un’estrema attenzione da parte dei media al drammatico fenomeno dei rifugiati e richiedenti asilo.
La mia tesi analizzerà l’istituto dell’asilo seguendo tre direttrici: 1) il diritto d’asilo dall’antichità sino al dopoguerra del secondo conflitto mondiale; 2) la nascita e l’evoluzione di una politica europea in materia di immigrazione e asilo;
3) il diritto di asilo in Italia e la conseguente normativa in materia.
Nel I capitolo mi soffermerò sull’analisi storica e giuridica dell’istituto, concentrandomi in particolar modo sulla configurazione che l’asilo ha assunto nel mondo greco – romano e in epoca medioevale, per arrivare sino ai primi sviluppi della normativa internazionale relativa all’asilo.
Nel II capitolo affronterò la creazione e lo sviluppo di una politica europea riguardante il diritto d’asilo, soffermandomi sul tentativo, non ancora ultimato, di creare una disciplina comune valida in tutti gli Stati dell’Unione Europea.
Nel III passerò invece all’analisi dell’asilo in Italia, partendo dalla Costituzione repubblicana per giungere sino alle più recenti evoluzioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L’argomento che mi accingo a trattare è di assoluta attualità e coinvolge in primo l’Italia, con conseguenti dibattiti ed un’estrema attenzione da parte dei media al drammatico fenomeno dei rifugiati e richiedenti asilo. Le statistiche pubblicate dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati indicano che, alla fine dell’anno 2013, nel mondo sono state 51.2 milioni le persone costrette a fuggire dalle proprie terre a causa di guerre, persecuzioni, epidemie o comunque perché gli era resa possibile qualsiasi forma di sopravvivenza 1 . Di questi 51 milioni di persone sono 398.200 coloro che hanno inoltrato domanda d’asilo all’interno di uno dei 28 paesi dell’Unione Europea, con un incremento del 32% rispetto al 2012 2 . Il fenomeno dell’esodo e dell’asilo ha da sempre tristemente caratterizzato la storia dell’umanità, ma questi numeri evidenziano come questi fatti abbiano assunto una portata di dimensioni gigantesche, situazione aggravatesi ancor di più in seguito allo scoppio di focolai di guerra in Africa Centrale e Medio Oriente, al punto che Papa Francesco ha recentemente affermato: "Siamo già entrati nella Terza guerra mondiale, solo che si combatte a pezzetti, a capitoli" 3 . 1 Per approfondimenti vedi il rapporto statistico annuale Global trends 2013, svolto dall’UNCHR e rintracciabile all’indirizzo: http://www.unhcr.org/5399a14f9.html#_ga=1.148151985.7091253.1415266586 2 Vedi il rapporto Asylum Levels and Trends in Industrialized Countries 2013, messo a disposizione dall’UNCHR all’indirizzo: http://www.unhcr.org/5329b15a9.html#_ga=1.201094440.7091253.1415266586 3 Dal discorso tenuto da Papa Francesco il 18 agosto 2014 durante il volo di ritorno della Corea, reperibile on-line al link: http://www.repubblica.it/esteri/2014/08/18/news/papa_francesco_terza_guerra_mondiale_kurdistan- 94038973/

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Jacopo Colomba Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2645 click dal 17/02/2016.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.