Skip to content

Contrada è…Palio è…: un sistema multimediale progettato con e per i bambini

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Alessandro Megale
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Dipartimento di scienze sociali politiche e cognitive
  Corso: Linguistica e Comunicazione Persuasiva, tecnologie e studi cognitivi
  Relatore: Patrizia Marti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

Questa tesi descrive l’approccio partecipativo al processo di design con e per i bambini di Siena per la realizzazione di un sistema multimediale facile da usare e finalizzato a stimolare in maniera divertente l’apprendimento sulle conoscenze di base del Palio e sulle contrade.
L’obiettivo non è stato semplicemente progettare uno strumento destinato a loro ma tentare di creare un contesto in cui l'attività di progettazione figurasse come un’occasione collettiva e partecipata di gioco e di apprendimento.
Coinvolgere in tutte le attività di design i bambini ha fatto riflettere successivamente su quale ruolo effettivamente e quale contributo possano dare all’interno del processo di design.
L’innovazione di far partecipare i bambini nell’ambito della costruzione di tecnologie educative a loro destinate è stata avviata da Seymour Papert nell’ambito del progetto Logo. I bambini ingaggiati nel ruolo di tester hanno indicato in che modo voler interagire con il computer per apprendere la geometria e l’informatica. Il loro contributo è stato sia indicare agli adulti come realizzare uno strumento facile da usare e divertente per apprendere materie astratte, sia lo sviluppo per i ricercatori di un nuovo approccio all’insegnamento e all’apprendimento con e senza le tecnologie: il costruzionismo. Allison Druin successivamente dall’esperienza della ricerca Logo con i bambini estende la partecipazione del bambino a tutte le fasi del processo di design: dal brainstorming, alla prototipazione, alla valutazione. La studiosa assegna al bambino un nuovo ruolo: quello di partner design per fondare il cooperative inquiry, un metodo fondato sull’ adozione di diverse tecniche provenienti dal design partecipativo per adattarle al contesto di lavoro con i bambini di 7 e 11 anni. Il fine è stato quello di realizzare una relazione paritaria tra adulto e bambino nello spazio, nell’azione e nella comunicazione per creare una vera partnership nel processo decisionale e progettuale. Per il bambino questo significa, sia vivere esperienze di apprendimento fondate sulla partecipazione sociale e l’impegno in un fare pratico per svolgere le attività di design, sia essere propriamente il reale “costruttore” di un prodotto che vorrebbe usare con facilità e divertimento per apprendere senza esserne frustato successivamente.
Da queste due premesse si è tentato di realizzare il progetto proposto dal “Comitato amici del Palio”.
Il committente “Comitato amici del Palio” ha pensato di voler riprogettare il volume “Contrada è…Palio è…” in un formato multimediale e cioè, trasporre immagini, testi e giochi in un formato interattivo, supportato dai moderni devices per sopperire ai costi di stampa e per divulgare contemporaneamente tra i nativi digitali, i valori di base della tradizione della città di Siena.
Il progetto è nato ponendo esclusivamente attenzione alle potenzialità e alle caratteristiche che doveva possedere il prodotto: favorire una nuova esperienza di fruizione dei contenuti del libro attraverso le possibili logiche d’interazione implementabili con la tecnologia Ipad.
La sfida è stata coinvolgere i bambini di 7 e 11 anni della scuola elementare Aurelio Saffi di Siena e quelli dei campi solari dell’Orto dei Pecci assegnando loro il ruolo di partner designer per farli contribuire attivamente alla realizzazione di un prodotto significativo tanto per loro quanto per gli altri bambini. Far partecipare con me i bambini a questo progetto li ha fatti sentire importanti e resi felici di collaborare, inoltre ha creato coesione, un ambiente di scambio e di crescita personale e ha dato luogo alla convergenza di punti di vista differenti sulla visione del Palio e delle contrade, utile a poter immaginare insieme per progettare. Attraverso la tecnica del Pictive e l’indagine contestuale, senza turbare il contesto di lavoro con i bambini e lasciando loro ampio controllo sulla gestione delle attività, sono stati raccolti dati per elicitare la risposta su quale esperienza d’uso vorrebbero vivere con il sistema e su come esso dovrebbe essere per risultare usabile.
Impegnare i bambini in attività pratiche durante il processo di progettazione, mediante l’uso di strumenti come i colori, la colla e i pennarelli etc., ha creato le condizioni per ideare e progettare tutti insieme. Il bambino come un inventore/costruttore ha così modellato concretamente le sue idee, ha dato forma alla sua immaginazione. Attraverso l’esperienza reale di progettazione e il supporto dell’adulto, il bambino non solo ha riprodotto l’esperienza di apprendimento che vorrebbe con il sistema ma ha imparato come realizzarla concretamente.
La sua inventiva e la sua creatività non sono state un semplice input da interpretare per inglobare nel Look&Feel del prodotto. Il bambino ha risposto in maniera efficace e pragmatica ai problemi che l’attività di progettazione ha sollevato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
“ Palio è... Contrada è... : un sistema multimediale progettato con e per i bambini" Introduzione Il presente elaborato descrive il metodo, le tecniche e illustra i risultati conseguiti dell’approccio partecipativo al processo di design con i bambini della scuola elementare Aurelio Saffi di Siena, per la realizzazione di un sistema multimediale a loro stessi destinato. L’obiettivo non è stato semplicemente progettare per i bambini, ma progettare con essi, e tentare di far diventare l'attività di progettazione, un' occasione collettiva e partecipata di gioco e di apprendimento e, comprendere infine, quale ruolo possono assumere e quale contributo e in che maniera possano apportarlo all’interno del processo di design. Il committente del progetto è stato il “Comitato Amici del Palio”, il quale ha pensato di voler realizzare un sistema digitale, e cioè di voler trasporre immagini, testi e giochi dal supporto cartaceo del libro “Contrada è…Palio è…” in un formato multimediale interattivo supportato dai moderni devices. Il progetto è nato per risolvere un problema, e il coinvolgimento dei bambini è risultato determinante per prendere decisioni riguardanti il design: la volontà e le necessità dei bambini hanno dato i punti di riferimento per rispondere alla domanda su come andava realizzato il sistema. L’attenzione è stata posta non solo sulle potenzialità e sulle caratteristiche del prodotto, ma soprattutto alle persone che usufruiranno dello stesso, in modo da favorirne in seguito il miglior utilizzo possibile. Il bambino, infatti, è stato posto al centro del processo di design, in modo tale da progettare con lui l’esperienza d’uso e l’usabilità del futuro sistema multimediale. Di seguito è riportata la struttura dell’elaborato per ogni sua parte. Per comprendere come interagire per progettare con il bambino si è reso fondamentale, nella prima parte dell’elaborato, riportare la metodologia della ricercatrice Allison Druin dell’University of Maryland: il “Cooperative Inquiry”. Il 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

design partecipativo
sistema multimediale progettato con i bambini
allison druin
partner design
cooperative inquiry
metodologia design partecipativo con i bambini
progettazione occasione di apprendimento
progettare esperienza di apprendimento
tester user informat partner children
palio di siena

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi