Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La banlieue parigina in rivolta nel racconto dei media francesi.

In trent’anni, l’abitudine di distinguere nettamente le banlieues dalla Ville, non è cambiata. Da sempre sono considerate dei “quartieri popolari sfavoriti» o “in difficoltà”. Dopo i primi disordini, scoppiati già dalla fine degli anni Settanta, sono state definite delle «zone sensibili» o peggio «territori perduti della Repubblica».
Oggi, alla luce delle émeutes del 2005 nella banlieue di Clichy-sous-Bois, le periferie sono delle «cités ghettos» dove la speranza verso un futuro migliore ha lasciato il posto, per la maggior parte degli abitanti, alla sfiducia, alla paura e all’odio riguardo le Istituzioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Come siamo arrivati a questo punto? Perché le banlieues, le periferie fran- cesi, di cui si è a lungo dibattuto negli ultimi anni, ma di cui non conosciamo che poco, sono così spesso etichettate con dei vocaboli riduttivi, che ignorano la loro realtà e le relegano ad una marginalità sconosciuta? In trent’anni, l’abitudine di distinguerle nettamente dalla Ville, non è cam- biata. Da sempre sono considerate dei “quartieri popolari sfavoriti» o “in difficoltà”. Dopo i primi disordini, scoppiati già dalla fine degli anni Settanta, sono state definite delle «zone sensibili» o peggio «territori perduti della Repubblica». Oggi, alla luce delle émeutes del 2005 nella banlieue di Clichy-sous-Bois, le periferie sono delle «cités ghettos» dove la speranza verso un futuro migliore ha lasciato il posto, per la maggior parte degli abitanti, alla sfiducia, alla paura e all’odio riguardo le Istituzioni. Gli aggettivi utilizzati per descrivere le periferie non descrivono affatto l’ingiustizia sociale o l’esclusione territoriale di cui le banlieues sono vittime. Piuttosto, questi suggeriscono una nota di pericolo in questi luoghi che non facilita certo il confronto tra chi vive in città e i banlieusards, gli abitanti delle periferie. Alla base dei numerosi scontri che sono avvenuti nelle banlieues c’è proprio questo: l’eterno confronto tra chi risiede in periferia e chi no. Questa rigida differenziazione può risultare strana, se letta nella nostra prospettiva, quella italiana, ma nell’ottica francese il quadro cambia: i residenti nella banlieue, 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Laura Santilli Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 501 click dal 26/05/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.