Skip to content

Lo Short Sea Shipping nel Mediterraneo - Prospettive di sviluppo per il Porto di Genova

Informazioni tesi

  Autore: Nicolò Degl'innocenti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Claudio Ferrari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

Lo scopo che l'UE persegue con lo SSS va oltre il mero significato di “modalità di trasporto” promossa per incrementare l'efficienza logistica dei mercati. Esso comprende il fine della sostenibilità ambientale e energetica, in quanto lo SSS è unanimemente considerato un'alternativa sicura ed ecologica al trasporto stradale e capace altresì di interoperare in maniera fluida con i sistemi di auto- e ferro-trasporto, e infine – last but not least - il fine politico e istituzionale di rafforzare la coesione della Comunità e l'accessibilità al mercato interno facilitando i collegamenti commerciali tra gli Stati dell'Unione, con particolare riguardo ai nuovi e prossimi Stati membri.
Lo SSS è divenuto inoltre per l'UE il naturale e logico strumento da impiegare a sostegno della Politica Europea di Vicinato nei confronti degli stati confinanti dell'area subcaucasica, affacciati sul Mar Nero, e degli stati dell'area sudmediterranea affacciati sulla costa nord-africana e medio-orientale del Mar Mediterraneo. Rispetto in particolare a questa seconda area di cooperazione, lo SSS attraverso la sua principale implementazione delle Autostrade del Mare (AdM), costituisce una risorsa strategica per raggiungere gli obiettivi di integrazione economica e di creazione di un'area di libero scambio euro-mediterraneo, così come delineati a partire dal 1995 con il Partenariato Euro-Mediterraneo a seguito del cosiddetto Processo di Barcellona e ulteriormente finalizzati con la promozione dell'Unione per il Mediterraneo tredici anni più tardi.
Sotto questi profili, il Mediterraneo risulta infatti essere un'area assolutamente congeniale alla realizzazione dello SSS, essendo “mare in mezzo alle terre”, intendendo fin dal nome che il mare non è dove finisce una terra ma dove ne comincia un’altra, ossia un “medium” che mette in comunicazione terre diverse piuttosto che un confine o peggio una barriera.
L'Italia con tutta evidenza geografica è chiamata a svolgere in questa prospettiva un ruolo preminente, inserita com'è al centro del Mediterraneo su cui si affaccia una pluralità di Paesi: alcuni membri storici dell'Unione, altri da poco inseriti, altri che sono candidati a entrarvi, e infine l'arco dei Paesi nord-africani (Maghreb) e del Medio-Oriente ad esso contigui (Mashrek), disposti di fronte al confine sud dell'Europa e che aprono le porte del continente africano e dell'area medio-orientale (la cosiddetta regione MENA: Middle East - North Africa), a distanze che non superano i 2/3 giorni di navigazione commerciale.
In questa rappresentazione della strategia europea, il porto di Genova è presente come uno dei nodi fondamentali nel disegno strategico (“core networks”) delle infrastrutture Trans-European Network – Transport (TEN-T), in particolare Genova non solo è capolinea principale per l'Italia nell'ambito del progetto delle Motorways of Sea (MoS) o AdM, ma anche del Corridoio continentale (“landbridge”) detto “Dei due mari” che unisce Rotterdam con Genova e, infine, al centro del Quadrante sud-occidentale europeo di sviluppo dello SSS.
Le ragioni di questo rilievo stanno nel rango di Genova quale scalo nazionale maggiormente attivo e potenzialmente crescente in virtù della sua collocazione nell'ansa mediterranea più settentrionale e prossima ai principali mercati italiani e europei di origine e destinazione del TMCR e, in relazione a questa favorevole posizione geografica consolidatasi storicamente, in quanto il porto più grande e meglio attrezzato per servire questi flussi di merci e passeggeri e per riceverli e inoltrarli attraverso le reti logistiche interne e esterne al continente europeo.
L'AP di Genova ha deciso di rafforzare nel breve e medio termine le strutture e i servizi portuali per lo SSS già attivi sulle rotte domestiche, continentali ed extracontinentali, dotandosi tra l'altro di un terminal specializzato per le “autostrade del mare” da e verso i Paesi nord-africani e denominato progettualmente con significativa enfasi “Porto d'Africa”.
La presente tesi di laurea intende discutere le prospettive di sviluppo per l'Europa e per l'Italia che lo SSS nell’area Mediterranea presenta, alla luce degli studi resi pubblici e delle opinioni espresse dalle istituzioni e dagli operatori. Il ragionamento avanzato dalla tesi verte in particolare sulle previsioni di mercato da cui deriva la domanda di SSS con riguardo alle AdM che collegano i porti del Mediterraneo e segnatamente ai servizi Ro-Ro e di feederaggio che fanno capo al porto di Genova.
Lo scopo secondo è fornire un contributo conoscitivo al dibattito aperto nel territorio genovese circa la sostenibilità ovvero la convenienza economica, sociale e ambientale della realizzazione del progetto “Porto d'Africa” sia per la Città che per il Paese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’obiettivo di questo lavoro è fare chiarezza sul significato di Short Sea Shipping attraverso riferimenti normativi e bibliografici a livello nazionale e comunitario e di evidenziare come questo, in un contesto di potenziale sviluppo dei Paesi dell’area Sud Mediterranea, possa rappresentare importanti prospettive di crescita per il nostro Paese e in particolare per il Porto di Genova. Il lavoro è stato suddiviso in quattro parti, seguendo una logica deduttiva, dalla definizione dei termini generali arrivando allo studio del caso particolare. Nel primo capitolo si affronta il tema delle diversità e delle convergenze che vi sono tra Short Sea Shipping, AdM, cabotaggio e reti TEN-T e di come queste politiche siano regolate e promosse dall’Unione Europea. Inoltre si assume la modalità Ro-Ro come “principe” in questo tipo di traffici, evidenziandone le caratteristiche principali. L’intero discorso viene correlato a quello sulle politiche europee di cooperazione e integrazione con i Paesi della sponda Sud del Mar Mediterraneo. Nel secondo capitolo è fornito uno stato dell’arte attuale, basato sulle statistiche disponibili, riguardo al peso dello Short Sea Shipping a livello mediterraneo, italiano e genovese con particolare riferimento al cd. Ecobonus, best practice riconosciuta a livello nazionale ed europeo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia dei trasporti
logistica
short sea shipping
autostrade del mare
ro-ro
porto di genova
porto d'africa
corto raggio
vte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi