Skip to content

L'emissione di Minibond in una media impresa. Il caso di Sea S.p.a.

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Ferrari
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Luca Erzegovesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Il Minibond è un'obbligazione societaria (corporate bond) emessa da una società non quotata in Borsa. Con il termine Minibond tuttavia è più corretto riferirsi alle evoluzioni legislative che hanno rivoluzionato il mercato di tali strumenti finanziari. Il processo di innovazione del quadro normativo è iniziato nel 2012 con il Decreto Sviluppo (decreto legge 22 giugno 2012 n. 83) e il Decreto sviluppo bis (decreto legge 18 ottobre 2012 n. 179) in un periodo storico critico per il sistema finanziario italiano. Quest'ultimo era reduce da una crisi economico-finanziaria mondiale iniziata nel 2007 e affrontata sotto il peso di alcuni problemi strutturali che ne hanno acuito gli effetti negativi. I problemi riguardano il bancocentrismo del modello di finanziamento delle imprese e la struttura del sistema produttivo italiano caratterizzato per la maggior parte da piccole medie imprese (Pmi). Con la crisi economica tali limiti hanno contribuito all'insorgere di fenomeni come il credit crunch o razionamento del credito mettendo a rischio la stabilità del sistema economico finanziario e la sopravvivenza delle imprese.
Il legislatore, con le iniziative del Governo Monti, si è trovato così a dover affrontare tali problemi. Una delle strategie adottate è stata quella di fornire alle imprese medio piccole un canale alternativo al sistema bancario: il mercato dei capitali. Gli strumenti finanziari per raccogliere denaro sul mercato erano già esistenti (cambiali finanziarie e obbligazioni) ed erano accessibili, di diritto, anche alle Pmi. Tuttavia, di fatto, ciò non accadeva in quanto il contesto normativo era sfavorevole per quest'ultime e per gli investitori specialmente sotto il profilo fiscale: le uniche imprese agevolate dalla norma erano le grandi imprese quotate. Il governo Monti con i due Decreti ha avviato così un processo di allineamento del trattamento normativo sfavorevole previsto per le Pmi emittenti a quello più favorevole delle Spa quotate. È stato un processo lungo iniziato nel 2012 con i Dl Sviluppo, modificato ulteriormente nel 2013 con il Decreto Destinazione Italia (decreto legge n. 145 del 23 dicembre 2013) e ultimato, per ora, nel 2014 con il Decreto Competitività (decreto legge 24 giugno 2014 n. 91) del governo Renzi.
In contemporanea nel 2012 Borsa Italiana ha creato un apposito segmento di mercato per tali strumenti (l'ExtraMot Pro) e si è sviluppata un'offerta di servizi per effettuare tali operazioni da parte di banche arranger, consulenti, advisor e società di rating.
Le innovazioni normative sono state ampie e pervasive anche se è ancora presto per trarre delle conclusioni sui loro effetti: sta di fatto che molte imprese hanno già beneficiato degli effetti di tali norme e a Dicembre 2014 si contavano all'attivo ben 96 emissioni sull'ExtraMot Pro per un controvalore di circa 4,5 miliardi di euro.
Di fatto, il legislatore ha creato un nuovo mercato dei capitali incentivando da un lato le imprese emittenti e dall'altro gli investitori.
L'elaborato punta così ad analizzare i singoli passi del processo di sviluppo del segmento dei Minibond, approfondendo le considerazioni operative, i soggetti della filiera del processo di emissione, le considerazioni strategiche e in ultimo presentando il caso reale di un emittente di Minibond: il caso di Sea spa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 PRIMA PARTE: INQUADRAMENTO GENERALE DEL MINIBOND Introduzione Il Minibond è un’obbligazione societaria (corporate bond) emessa da una società non quotata in Borsa. Con il termine Minibond tuttavia è più corretto riferirsi alle evoluzioni legislative che hanno rivoluzionato il mercato di tali strumenti finanziari. Il processo di innovazione del quadro normativo è iniziato nel 2012 con il Decreto Sviluppo (decreto legge 22 giugno 2012 n. 83) e il Decreto sviluppo bis (decreto legge 18 ottobre 2012 n. 179) in un periodo storico critico per il sistema finanziario italiano. Quest’ultimo era reduce da una crisi economico-finanziaria mondiale iniziata nel 2007 e affrontata sotto il peso di alcuni problemi strutturali che ne hanno acuito gli effetti negativi. I problemi riguardano il bancocentrismo del modello di finanziamento delle imprese e la struttura del sistema produttivo italiano caratterizzato per la maggior parte da piccole medie imprese (Pmi). Con la crisi economica tali limiti hanno contribuito all’insorgere di fenomeni come il credit crunch o razionamento del credito mettendo a rischio la stabilità del sistema economico finanziario e la sopravvivenza delle imprese. Il legislatore, con le iniziative del Governo Monti, si è trovato così a dover affrontare tali problemi. Una delle strategie adottate è stata quella di fornire alle imprese medio piccole un canale alternativo al sistema bancario: il mercato dei capitali. Gli strumenti finanziari per raccogliere denaro sul mercato erano già esistenti (cambiali finanziarie e obbligazioni) ed erano accessibili, di diritto, anche alle Pmi. Tuttavia, di fatto, ciò non accadeva in quanto il contesto normativo era sfavorevole per quest’ultime e per gli investitori specialmente sotto il profilo fiscale: le uniche imprese agevolate dalla norma erano le grandi imprese quotate. Il governo Monti con i due Decreti ha avviato così un processo di allineamento del trattamento normativo sfavorevole previsto per le Pmi emittenti a quello più favorevole delle Spa quotate. È stato un processo lungo iniziato nel 2012 con i Dl Sviluppo, modificato ulteriormente nel 2013 con il Decreto Destinazione Italia (decreto legge n. 145 del 23 dicembre 2013) e ultimato, per ora, nel 2014 con il Decreto Competitività (decreto legge 24 giugno 2014 n. 91) del governo Renzi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi