Skip to content

Psicodramma: storia, metodologie ed i primi contatti formativi

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Canari
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Rosapia Lauro Grotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Una definizione di Psicodramma data dal professor Roberto Losso è la seguente: "Lo psicodramma è un metodo psicoterapeutico, generalmente di gruppo, che utilizza le drammatizzazioni, oltre alle tecniche verbali, come mezzo per esprimere, per comunicare, per esplorare e per elaborare i diversi problemi degli individui, delle coppie, delle famiglie o dei gruppi. Psicodramma proviene dal greco psykhê (anima) e drâma (azione). Vale a dire, l'anima in azione, la manifestazione in azioni dell'anima. E in ogni azione (dramma) interagiscono personaggi".

J.L. Moreno (1889-1974) fondò lo psicodramma a Vienna nei primi del '900, lo definì come "una scientifica esplorazione della verità attraverso il metodo drammatico". Moreno (1953) osservò che fino ad allora ci fu scienza senza religione e religione senza scienza. Già nel lontano 293 a.C, anno di fondazione del primo Ascepilon, luogo di pratiche mediche e religiose, l'attenzione era rivolta al corpo e all'anima. La cura era indirizzata anche verso la psiche; infatti, Asclepio ordinava anche esercizi psichici, che consistevano nel comporre odi, carmi, mimi comici, ecc. Sostanziale era il valore terapeutico dato oltre che alla musica, alla parola. "Psicoterapia verbale" nella quale si assegnava al paziente lo stesso ruolo di soggetto attivo, attribuendo ai suoi discorsi, alla declamazione e alla recitazione una funzione terapeutica di disturbi psichici. Moreno sotto questo punto di vista prendeva spunto dalle usanze Greche e usava lo psicodramma come metodo di Psicoterapia di gruppo. Egli aveva grande fiducia nel gruppo e quando scrisse "Who Shall Survive?" (Moreno, 1953) credo intendesse i "sopravvissuti" come coloro i quali avessero cara ed usassero la loro spontaneità e creatività: queste persone "sopravviveranno" alle sfide del futuro in un gruppo.

Negli anni successivi alle teorizzazioni di Moreno, lo psicodramma è stato usato in diversi contesti: ad esempio lo psicoanalista Didier Anzieu lo usava sia in contesto curativo per le patologie psichiche sia in contesto formativo-professionale. (Anzieu, 1976)
Roberto Pani invece, nel suo libro "Psicodramma Psicoanalitico" (2000), cerca di inquadrarlo in un ottica storica per poi svilupparlo al meglio in ottica di curativo-patologica. Sono stati fatti diversi studi sulla classe come luogo di apprendimento e sviluppo con l'utilizzo della metodologia dello psicodramma (Sasso, 2008-2009). Giuseppe Rombola Corsini porta lo psicodramma all'interno delle aule della facoltà di Psicologia a Firenze in collaborazione con la Rappresentanza Studentesca (2012-2013), allo scopo di far conoscere questa metodologia agli studenti; inoltre presso il centro di Psicodinamica Erich Fromm di Prato è possibile partecipare a sedute di psicodramma con fine formativo-professionale in ambito psicologico. Questi sono alcuni dei tanti esempi da fare, però l'elaborato in particolare si concentra sullo Psicodramma formativo-professionale. L'obbiettivo prefissato di questo lavoro quindi, è cercare di inquadrare lo Psicodramma in un ambito più generale per capirne meglio la sua importanza in un contesto formativo. Attraverso una prospettiva storico-metodologica spiego l'importanza formativa di questa particolare attività. Partire da concetti più generali per poi entrare nello specifico: in questo modo la tesi cerca di avere una visione più completa dell'argomento preso in questione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Una definizione di Psicodramma data dal professor Roberto Losso è la seguente:” Lo psicodramma è un metodo psicoterapeutico, generalmente di gruppo, che utilizza le drammatizzazioni, oltre alle tecniche verbali, come mezzo per esprimere, per comunicare, per esplorare e per elaborare i diversi problemi degli individui, delle coppie, delle famiglie o dei gruppi. Psicodramma proviene dal greco psykhê (anima) e drâma (azione). Vale a dire, l'anima in azione, la manifestazione in azioni dell'anima. E in ogni azione (dramma) interagiscono personaggi”. J.L. Moreno(1889-1974) fondò lo psicodramma a Vienna nei primi del '900, lo definì come “una scientifica esplorazione della verità attraverso il metodo drammatico”. Moreno (1953) osservò che fino ad allora ci fu scienza senza religione e religione senza scienza. Già nel lontano 293 a.C, anno di fondazione del primo Ascepilon, luogo di pratiche mediche e religiose, l'attenzione era rivolta al corpo e all'anima. La cura era indirizzata anche verso la psiche; infatti, Asclepio ordinava anche esercizi psichici, che consistevano nel comporre odi, carmi, mimi comici, ecc. Sostanziale era il valore terapeutico dato oltre che alla musica, alla parola. “Psicoterapia verbale” nella quale si assegnava al paziente lo stesso ruolo di soggetto attivo, attribuendo ai suoi discorsi, alla declamazione e alla recitazione una funzione terapeutica di disturbi psichici. Moreno sotto questo punto di vista prendeva spunto dalle usanze Greche e usava lo psicodramma come metodo di Psicoterapia di gruppo. Egli aveva grande fiducia nel gruppo e quando scrisse “ Who Shall Survive?”(Moreno, 1953) credo intendesse i “sopravvissuti” come coloro i quali avessero cara ed usassero la loro spontaneità e creatività: queste persone 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

formazione
psicologia dinamica
psicoterapia
neuroscienze
psicodramma
terapie di gruppo
origini storiche psicodramma
esperienza formativa
musica e psicodramma
neuropsicoanalisi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi