Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Morte cellulare programmata ed espressione della molecola di adesione CD11a/CD18 (LFA-1) nella linea di neuroblastoma SK-N-MC

Scopo del presente elaborato è stato quello di valutare se il trattamento ipertermico (43°C per 1 ora) fosse un efficace trigger apoptotico nella linea cellulare di neuroblastoma umano SK-N-MC, e di osservare se l’apoptosi da ipertermia coinvolgesse anche l’espressione di alcune molecole integriniche di adesione, quali ad es. la subunità CD11 del complesso CD11a/CD18 (denominata LFA-1).
A tal fine, sulla linea cellulare SK-N-MC, sono state utilizzate tecniche elettroforetiche del DNA, tecniche di microscopia elettronica in trasmissione e di citometria a flusso.
I risultati hanno dimostrato che l’ipertermia è un efficace trigger apoptotico nella linea cellulare di neuroblastoma umano SK-N-MC, come evidenziato a livello ultrastrutturale dalla tipica condensazione cromatinica. Inoltre, la citometria a flusso ha evidenziato che il trattamento ipertermico induce una diminuzione della percentuale della positività per il CD11a nelle cellule in sospensione.
Il nostro studio suggerisce, quindi, che il CD11a possa rappresentare, nel modello sperimentale da noi studiato, un precoce indicatore dell’evento “morte cellulare programmata” in seguito a trattamento ipertermico.

Mostra/Nascondi contenuto.
Apoptosi ed espressione del CD11a/CD18 nelle cellule SK-N-MC 1 Introduzione Il fenomeno di adesione cellulare (cellula-cellula, cellula-matrice extracellulare) è stato a lungo motivo di ricerca per l'importanza che assume in diversi processi, come l'embriogenesi, lo sviluppo, l'emostasi, l'infiammazione, la risposta immunitaria e l’invasione neoplastica (1). La perdita della capacità di adesione, come pure l'induzione di una eccessiva adesività sono la causa di diverse patologie. Numerosi studi hanno portato a identificare alcune proteine transmembrana come responsabili dell'adesione. Queste proteine sono state classificate in diversi gruppi, sulla base di criteri strutturali e funzionali: integrine, caderine, selectine, e membri della superfamiglia delle immunoglobuline (2). La famiglia delle integrine è composta da otto sottofamiglie, indicate da β 1 a β 8, ma i maggiori studi si sono concentrati sulle sottofamiglie β 1 (CD29, VLA), β 2 ( integrine presenti sui leucociti come CD11a/CD18, CD11b/CD18, CD11c/CD18 e α Dβ 2), β 3 (LFA-3 o CD 58), e β 7 (α 4β 7 e α Eβ 7). La superfamiglia delle immunoglobuline include LFA-2 o CD2 , LFA-3 o CD58, molecole di adesione intercellulare (ICAM), molecola di adesione vascolare1 (VCAM-1), molecola di adesione tra piastrine ed endotelio di tipo 1 (PE-CAM-1 o CD31) e molecola di adesione tra endotelio e cellule della mucosa di tipo 1 (MAdCAM-1).

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Massimo Della Felice Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2682 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.