Skip to content

La truffa ai danni dello Stato

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Carpi Benassi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Veneziani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 182

Da qualche decennio a questa parte è agevole rinvenire una crescente compenetrazione tra settore pubblico e privato, sia sotto il profilo della concessione di finanziamenti erogati dallo Stato e dalla Comunità Europea a favore dei privati, sia riguardo il pronunciarsi, sempre maggiore, di un nuovo metodo di gestione della cosa pubblica che finisce spesso per appoggiarsi ad imprese private tramite concessioni e privatizzazioni di enti; questo rapporto di scambio, come spesso accade, non è però andato esente da tarli che, in questo caso, si configurano come truffe in danno del patrimonio pubblico: il problema è tanto più allarmante ove si ponga mente alla sua crescita esponenziale.
Il nostro legislatore, nell’intento di arginare il fenomeno, è intervenuto in più occasioni per ampliare la tutela della cosa pubblica rispetto a questo tipo di aggressioni non ritenendo (e non essendo effettivamente) più sufficiente il mero ricorso al datato art.640 c.p. il quale, pure leggermente riformulato nel codice Rocco, non pare adeguato, né sotto il profilo sanzionatorio né sotto quello interpretativo, a ricomprendere e punire adeguatamente i nuovi fenomeni che sono andati nascendo ed amplificandosi dopo la sua entrata in vigore.
Il tentativo portato avanti sino ad oggi dal legislatore comprende quindi sia la nascita di una nuova figura delittuosa con pena aggravata rispetto al vecchio capoverso dell’art.640 c.p., che punisce espressamente la truffa rivolta al conseguimento di erogazioni pubbliche (art. 640-bis c.p.), sia la recente introduzione, di cui all’art. 640-quater c.p., dell’applicazione a questo tipo di reati di una sanzione penale a carattere economico (la confisca per equivalente) che consenta di vanificare il più possibile i vantaggi patrimoniali che questo tipo di delitti può portare a chi li commette e che, precedentemente, non trovavano adeguata reazione per il tramite della misura di sicurezza della confisca ordinaria.
Il sistema normativo penale così adattato dal legislatore, ulteriormente complicato dall’introduzione frazionata di altre norme a tutela dei finanziamenti pubblici, pone tuttavia, anche alla luce del sempre maggiore “rimpasto” tra cosa pubblica e privata, una serie di problematiche, talune delle quali non vedono ancora una risposta certa né ad opera della giurisprudenza né tantomeno del legislatore stesso: oggetto del presente lavoro sarà cercare di offrire una panoramica, concisa ma completa, delle problematiche di cui si è detto e dei recenti sviluppi in materia che si rinvengono, soprattutto, ad opera della giurisprudenza di Cassazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Da qualche decennio a questa parte è agevole rinvenire una crescente compenetrazione tra settore pubblico e privato, sia sotto il profilo della concessione di finanziamenti erogati dallo Stato e dalla Comunità Europea a favore dei privati, sia rig uardo il pronunciarsi, sempre maggiore, di un nuovo metodo di gestione della cosa pubblica che finisce spesso per appoggiarsi ad imprese private tramite concessioni e privatizzazioni di enti; questo rapporto di scambio, come spesso accade, non è però andat o esente da tarli che, in questo caso, si configurano come truffe in danno del patrimonio pubblico: il problema è tanto più allarmante ove si ponga mente alla sua crescita esponenziale. Il nostro legislatore, nell’intento di arginare il fenomeno, è intervenuto in più occasioni per ampliare la tutela della cosa pubblica rispetto a questo tipo di aggressioni non ritenendo (e non essendo effettivamente) più sufficiente il mero ricorso al datato art.640 c.p. il quale, pure leggermente riformulato nel codice Rocco, non pare adeguato, né sotto il profilo sanzionatorio né sotto quello interpretativo, a ricomprendere e punire adeguatamente i nuovi fenomeni che sono andati nascendo ed amplificandosi dopo la sua entrata in vigore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

frode
truffa
stato
confisca
640
confisca valore equivalente
640 bis
consumazione prolungata
316 ter
316 bis

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi