Skip to content

Il ruolo dell'infermiere nella prevenzione delle complicanze post-operatorie nella persona operata di artroprotesi di anca

Informazioni tesi

Autore: Mario Fratino
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2012-13
Università: Università degli Studi di Bologna
Facoltà: Medicina e Chirurgia
Corso: Infermieristica
Relatore: ValeriaErrani
Lingua: Italiano
Num. pagine: 54

Ho preso in considerazione per il mio lavoro l’unità operativa di Ortopedia e Traumatologia e dei rimpianti di anca e ginocchio. Ubicata nell’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna presso la quale ho svolto il tirocinio nel secondo anno accademico. Avendo scelto come tirocinio preferenziale (a scelta dello studente) del terzo anno accademico la Sala operatoria ortopedica dello stesso ospedale Rizzoli per tre settimane, ho voluto completare in questo modo il percorso assistenziale: intraoperatorio – postoperatorio. Data l'elevata incidenza delle patologie osteo degenerative, ho preso in considerazione il paziente operato di artropotesi di anca secondario ad artrosi.

Attraverso le diagnosi infermieristiche ho sviluppato dei piani di assistenza per poter attuare interventi mirati; atti a prevenire le complicanze post operatorie e/o bloccarne il decorso negativo (trombosi, dislocazione protesi, infezione) e a favorire un recupero ottimale delle condizioni dell’assistito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
della popolazione. Ma questo ha determinato un incremento della domanda di assistenza, per via della maggior presenza di popolazione anziana e delle patologie ad essa collegate. L’apparato muscolo-scheletrico con l’avanzare dell’età subisce delle alterazioni dovute all’usura, alle sollecitazioni meccaniche, alle malattie croniche. Patologie degenerative dell’apparato scheletrico, come l’artrosi dell’anca, sono una delle cause che portano la persona a recarsi in strutture ospedaliere per sottoporsi ad un intervento chirurgico per la sostituzione dell’articolazione danneggiata con una protesi ad hoc, per ripristinare la normale funzionalità dell’articolazione. La persona che si sottopone ad intervento chirurgico di atroprotesi totale di anca, presenterà una serie di potenziali complicanze che l’infermiere dovrà prontamente riconoscere per evitarne la comparsa e/o bloccarne il decorso negativo. Nel reparto di Chirurgia protesica e dei reimpianti d'anca e di ginocchio quindi, l’assistenza è rivolta soprattutto a monitorare la comparsa di complicanze nel post operatorio, oltre a soddisfare i bisogni fondamentali della persona. Ho descritto in primis, l’unità operativa dell’Istituto Ortopedico Rizzoli, presso il quale ho svolto il tirocinio nei mesi di febbraio e maggio 2012; per mettere in risalto le strutture presenti, il metodo di lavoro usato e il rapporto con gli altri operatori sanitari presenti in reparto. La parte fondamentale di questo lavoro è lo sviluppo di metodiche per gestire possibili complicanze che possono insorgere, nel paziente operato attraverso interventi mirati e prettamente infermieristici. Le diagnosi infermieristiche sono di competenza esclusiva degli infermieri che le fanno per identificare un problema e attuare degli interventi per risolverli. Nell’ultimo capitolo ho descritto alcune diagnosi pertinenti per questo tipo di assistenza. pag. 5 INTRODUZIONE Il miglioramento delle condizioni di vita, cui abbiamo assistito negli ultimi decenni, ha portato a un aumento del benessere e della durata della vita media

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

artroprotesi di anca
prevenzioni complicanze protesi di anca
protesi di anca: assistenza infermieristica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi