Skip to content

Ipotesi d'intervento preventivo sul sovrappeso e l'obesità in una prospettiva psico-socio-biologica

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Angelo Lombardo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Elsa Addessi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

L'obesità è stata definita dall'OMS come malattia multifattoriale e riconosciuta come epidemia globale (globesity).
Vari fattori incidono su questa condizione morfologica e sul suo stato iniziale: il sovrappeso.
Pressioni ambientali, fattori di rischio personali, sociali e familiari, relazionali e comportamentali, genetici e biologici, possono concorrere alla genesi del sovrappeso e dell'obesità.
La seguente tesi si propone di analizzare tutti i differenti fattori coinvolti al fine di convergere in una più ampia prospettiva che tenga conto dell'importanza non solo degli aspetti psicologici ma anche di quelli relazionali, socio-ambientali e organici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE alla LOGICA della TESI La crescente diffusione del sovrappeso e dell’obesità odiernamente ha richiamato l’attenzione delle autorità sanitarie, in quanto si accompagna ad elevata morbilità e mortalità. Secondo una stima dell’OMS, solo nel 2008, 1,5 miliardi di individui nel mondo erano in sovrappeso, 200 milioni di uomini e 300 milioni di donne erano obese. Tali stime secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sono destinate a crescere di anno in anno. In Italia, il sovrappeso riguarda il 42,5% dei maschi, mentre sono obesi il 10,5%. Le donne invece sono meno in sovrappeso (il 26,6%), ma rimane alto il tasso di obese (9,1%). La Società Italiana dell’Obesità (S.I.O.) afferma che nel 2025 il tasso di obesità fra gli adulti arriverà al 14%. Le patologie più diffuse legate a questa condizione cronica vanno dall’ipertensione, diabete, ictus, ipercolesterolemia fino a depressione, sindrome metabolica, problemi respiratori, complicanze nel periodo della gravidanza ma anche nella sfera psico-sociale: ansia e bassa autostima (Goossens et al. 2009), compromissione fisica e limitazioni funzionali(Manzoni, Castelnuovo, 2012). Per quanto concerne la spesa sanitaria sostenuta da un obeso, risulta essere il 25% più alta di quella di un soggetto normopeso (Withrow, Alter, 2012). I costi sociali, personali e sanitari giustificano largamente l’allarme obesità. Nel 2012 gli Usa hanno stimato che il costo annuo per la cura delle patologie collegate all’obesità supera i 190.000 milioni di dollari (il 21% della spesa medica nazionale). I costi dei trattamenti praticati a pazienti obesi sarebbero superiori del 40% a quelli destinati ai pazienti non obesi. Si tratta secondo l’O.M.S. della più grave emergenza sanitaria del ventunesimo secolo. Negli ultimi anni, numerosi studi hanno osservato che una perdita di peso corporeo del 10% è in grado di determinare significativi benefici e di ridurre la maggior parte delle complicazioni associate all’obesità (Barbieri,Tronchin, 2010). L’apporto tradizionale della scienza nei confronti dell’obesità ed il sovrappeso - confinato soprattutto ai paradigmi provenienti dal mondo della dietologia - sembra non arginare in modo efficiente tali problematiche. Il dato più allarmante ci proviene da alcuni studi di follow-up a lungo termine sul trattamento dell’obesità che indicano comeil 90-95% di coloro che perdono peso lo riacquistano entro pochi anni (Garner, Wooley, 1991) a volte anche con gli interessi (Sarlio-Lahteenkorva S., Rissanen A., Kaprio J., 2000). Le persone in sovrappeso, quando iniziano un trattamento dietetico, desiderano perdere la maggior parte del peso nel minor tempo possibile, ma nel 50% dei casi questo impegno termine dopo appena due mesi dall’inizio della dieta(L. Letizia, 2011). Soggetti obesi e in sovrappeso molto frequentemente intraprendono regimi alimentari dietetici nel corso della loro vita, oscillando continuamente tra riduzioni e aumenti di peso (weight cycling syndrome). E proprio le diete ipocaloriche sembrano essere responsabili del circuito restrizione-disinibizione dal comportamento alimentare inadeguato che da esse scaturisce: il Weight-Cycling Syndrome (sindrome della fluttuazione del peso) (Beck, 2008). Anche queste oscillazioni potrebbero influire sulle condizioni psicologiche, visto che non riuscire a mantenere il peso raggiunto con le diete provoca sentimenti di fallimento personale, di perdita del controllo sulla propria vita e di scarsa autostima (Simkin-Silverman, Wing, Plantinga, Matthews, Kuller, 1998). Nei bambini obesi in terapia dietologica si è osservato che i livelli di psicopatologia ansiosa o depressiva significativamente più alti (37,3%) rispetto a quelli non sottoposti ad alcun trattamento (23%) (Van Vlierberghe, Leen, et al., 2009). Questo dato potrebbe sostenere l’ipotesi del possibile effetto iatrogeno di incongrue terapie dietetiche. 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

obesità, sovrappeso, dimagrimento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi