Skip to content

Analisi del mercato repo dei Titoli di Stato italiani in un’ottica di impiego per la liquidità del Tesoro

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Comodi Ballanti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Alberto Adolfo Cybo-Ottone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Il presente progetto di tesi è stato sviluppato nel corso di uno stage presso la Direzione Generale del Debito Pubblico del Dipartimento del Tesoro, in risposta ad una specifica esigenza manifestata dal Tesoro stesso.
Tale esigenza è nata in seno alla gestione di Tesoreria come riflesso non solamente del contesto di mercato attuale, contraddistinto da liquidità in eccesso e tassi a breve prossimi allo zero, ma anche e soprattutto delle più recenti decisioni targate BCE, le quali hanno stimolato un’evoluzione nell’ambito della gestione quotidiana della liquidità. Lo scorso 5 giugno 2014, infatti, la BCE ha adottato importanti decisioni di politica monetaria determinando un abbassamento dei tassi di riferimento e portando per la prima volta in territorio negativo il tasso sulla deposit facility (-0,10%). Contestualmente, è stata inoltre disposta una modifica riguardante i depositi governativi detenuti presso le Banche Centrali Nazionali che ha penalizzato tali giacenze e disincentivato, nel caso italiano, la costituzione di nuovi depositi vincolati presso la Banca d’Italia. Ciò ha determinato, nei fatti, l’abbandono di una forma di investimento della liquidità su cui il Tesoro aveva, sino a quel momento, fatto affidamento.
Dette circostanze stanno oggi spingendo il Tesoro a valutare la possibilità di modificare la propria operatività passando a una gestione sempre più “attiva” della liquidità, da realizzarsi attraverso impieghi a breve termine sul mercato monetario che prevedano, nello specifico, il ricorso a contratti repo (repurchase agreement o pronti contro termine) aventi come collateral Titoli di Stato italiani.
Il lavoro si compone di tre capitoli. Nel primo descrivo dettagliatamente la gestione odierna della liquidità da parte del Tesoro (attività centrale dell’ufficio in cui ho svolto lo stage), illustro le motivazioni di carattere normativo e di mercato che lo hanno portato a rivolgere l’attenzione verso i repo e, infine, propongo una disamina accurata dello strumento. Nel secondo capitolo offro una panoramica sull’infrastruttura e l’organizzazione del mercato repo europeo che viene integrata con un approfondimento riguardante il ruolo della BCE, in virtù della rilevanza assunta da quest’ultima in tutte le dinamiche che contraddistinguono i mercati monetari. Tutto questo si propone di fornire quel background di conoscenze necessario per comprendere appieno il “cuore” della tesi, vale a dire l’analisi (focalizzata sul periodo 2011-2014) del mercato repo general collateral dei Titoli di Stato italiani; ad essa è dedicato l’intero terzo capitolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Introduzione L’aspetto che maggiormente stimola la mia passione per i mercati finanziari è senz’altro il fatto che la conoscenza della materia non può limitarsi alla sola acquisizione delle nozioni tecniche di base, prescindendo quindi dal considerare tutte quelle dinamiche in continuo divenire che, direttamente o indirettamente, più o meno pesantemente, vi impattano. Tutto ciò che rientra sotto il nome di “finanza” non può nella maniera più assoluta essere considerato come facente parte di una “scatola chiusa”, impenetrabile per tutti gli sviluppi e le novità che il trascorrere del tempo porta inevitabilmente con sé. Al contrario, occuparsi di finanza significa avere consapevolezza non solo dei differenti scenari macroeconomici che si sviluppano nelle varie parti del mondo, ma anche del contesto geopolitico in cui si colloca un preciso momento storico; questo perché la tanto nota globalizzazione ha coinvolto anche – e in misura rilevante – il mondo della finanza, determinando di fatto la nascita di un unico mercato finanziario globale in cui ogni “componente” è reciprocamente interconnessa con tutte le altre. Come intuibile, tali considerazioni incidono in modo particolare sull’operatività del mercato a breve scadenza, ossia il mercato monetario, e di conseguenza anche su uno dei suoi principali segmenti: il mercato dei pronti contro termine (anche detti repo o PcT). Quest’ultimo rappresenta l’ambito all’interno del quale tutto il presente lavoro di tesi si sviluppa. L’operazione pronti contro termine è una vendita di titoli che si accompagna con l’impegno a riacquistare, alla scadenza convenuta, un pari quantitativo degli stessi titoli ad un prezzo prestabilito. Una rilevante peculiarità di questi contratti risiede nel fatto che il ricorso agli stessi può trovare giustificazione sia nell’esigenza di ottenere o concedere in prestito liquidità, vale a dire fondi a brevissimo termine, sia titoli. L’analisi che presenterò riguarda principalmente il primo di questi due “ambiti”, in cui il driver del PcT risiede nella volontà di una controparte di dare o ricevere in prestito un certo ammontare di liquidità, accettando o porgendo in cambio una garanzia; l’attività ricercata è dunque il contante e le caratteristiche del collateral (così è definita la garanzia) hanno importanza secondaria. Per tale motivo sono stanziabili a garanzia del prestito più titoli accumunabili in quanto a merito creditizio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

politica monetaria
bce
liquidità
tesoro
ltro
repo
pronti contro termine
titoli di stato italiani
general collateral
conto disponibilità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi