Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

tesi

Tesi di storia

Mostra/Nascondi contenuto.
2 La storiografia coloniale di Angelo Del Boca Introduzione L’elaborato che presento intende illustrare il lavoro storiografico compiuto dallo storico Angelo Del Boca, a cui è riconosciuto il grande merito di aver affrontato studi sul colonialismo italiano, in grado d’illustrare quest’ importante capitolo della nostra storia nazionale spesso sottovalutato o distorto da falsi miti, il più comune dei quali quello che identifica quello italiano come un colonialismo dal volto umano e bonario rispetto a quello francese, britannico o tedesco. Partendo da una delle sue più corpose monografie, ovvero Gli Italiani in Africa Orientale, analizzerò il modo in cui lo storico costruisce l’opera, la bibliografia da lui utilizzata ed il modo in cui questa contribuisce alla creazione del testo. In seguito mi soffermerò sull’argomento che maggiormente ha permesso agli studi di Del Boca di ottenere l’attenzione del grande pubblico, l’utilizzo da parte degli italiani di metodi brutali contro i popoli assoggettati, in particolar modo l’uso di aggressivi chimici. Esaminerò le testimonianze e le prove portate dallo storico per dimostrare tutto ciò, evidenziando come l’uso di queste armi fosse in realtà già noto all’opinione pubblica internazionale del tempo, grazie alle cronache di reporter, diplomatici, inviati della Società delle Nazioni, medici e personalità di vario genere, che, a più riprese durante il conflitto etiope, parleranno apertamente dell’uso dei gas da parte degli italiani contro popolazioni non in grado di difendersi da essi. Parlerò poi delle reazioni seguite alla pubblicazione dei primi scritti di Del Boca a metà degli anni sessanta, in un paese in cui ancora ben radicata era l’ideale dell’italiano colonialista buono e portatore di civiltà; reazioni che videro aggressioni verbali, insulti ed in certi casi persino incitamento alla violenza contro lo storico da parte di certi giornali nostalgici del periodo coloniale. Tratterò, inoltre, l’argomento delle ammissioni da parte del governo riguardo l’uso degli aggressivi chimici, che videro lo storico uscire vittorioso da una serie di dispute avute nel corso degli anni con personalità del calibro di Montanelli; ammissioni arrivate, nel 1995, a distanza di ben trent’anni dai suoi primi scritti sull’argomento.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Dario Dragotto Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 281 click dal 15/06/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.