Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'unità di luogo nel cinema. Evoluzione del personaggio cinematografico all'interno di uno spazio concentrazionario.

L’idea di questa tesi nasce da un’attrazione naturale per le storie dell’uomo e il posto che egli occupa nel mondo ogni giorno, intessendo relazioni con i suoi simili. Dopo la visione del film Carnage di Roman Polanski, nella mente di chi scrive si è acuito un interesse ancor più profondo nei confronti di quelle opere che indagano l’interiorità dell’essere umano, soprattutto in relazione agli altri, e quindi un interesse per il procedimento di costruzione e sviluppo del personaggio in ambito cinematografico.
Il fascino deriva dal fatto che il personaggio/uomo stesso sembra essere messo alla prova giorno dopo giorno all’interno di un’arena, una sorta di ring, nel quale si ritrova a lottare per la sopravvivenza – sopravvivenza intesa non solo in senso fisico, quanto come ritrovamento di se stesso, della propria ragione, dei propri meriti.
L’obiettivo primario della trattazione è analizzare la complessità dei personaggi cinematografici che si trovano rinchiusi in un unico spazio per l’intera durata del film e la loro evoluzione all’interno di esso.

Mostra/Nascondi contenuto.
  1   Introduzione Il capocomico: E dov’è il copione? Il padre: E’ in noi, signore. Il dramma è in noi; siamo noi e siamo impazienti di rappresentarlo, così come dentro ci urge la passione! (Sei personaggi in cerca d’autore – L. Pirandello) L’idea di questa tesi nasce da un’attrazione naturale per le storie dell’uomo e il posto che egli occupa nel mondo ogni giorno, intessendo relazioni con i suoi simili. Dopo la visione del film Carnage di Roman Polanski, nella mente di chi scrive si è acuito un interesse ancor più profondo nei confronti di quelle opere che indagano l’interiorità dell’essere umano, soprattutto in relazione agli altri, e quindi un interesse per il procedimento di costruzione e sviluppo del personaggio in ambito cinematografico. Il fascino deriva dal fatto che il personaggio/uomo stesso sembra essere messo alla prova giorno dopo giorno all’interno di un’arena, una sorta di ring, nel quale si ritrova a lottare per la sopravvivenza – sopravvivenza intesa non solo in senso fisico, quanto come ritrovamento di se stesso, della propria ragione, dei propri meriti. L’obiettivo primario della trattazione è analizzare la complessità dei personaggi cinematografici che si trovano rinchiusi in un unico spazio per l’intera durata del film e la loro evoluzione all’interno di esso. Carnage è stata solo la ciliegina sulla torta, già in altre opere cinematografiche si era riscontrata la formula peculiare della reclusione e del gioco delle parti all’interno di uno spazio chiuso, claustrofobico, concentrazionario. La concentrazione di più personaggi in un unico ambiente stimola una riflessione su come essi siano stata ideati e sviluppati narratologicamente, come reagiscano alla loro condizione di prigionia, se sviluppino una fobia o un morboso attaccamento per questo stato di reclusione. Non a caso, molti di questi film si trovano

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Fedra Galassi Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 551 click dal 15/06/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.