Skip to content

Maternità e bias percettivi: uno studio pilota sulla percezione degli stimoli visivi nelle madri

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina Berardo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica e di comunità
  Relatore: Rocco Quaglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

Diversi studi hanno dimostrato come la percezione visiva subisca delle alterazioni durante la gravidanza. Le principali teorie ipotizzano che la causa di tali bias sia da ricercarsi nella motivazione filogenetica a proteggere il proprio piccolo. Con lo scopo di verificare se tali alterazioni percettive persistessero anche dopo la nascita del bambino, abbiamo confrontato le prestazioni di 60 madri (di cui 30 con figli tra 9-18 mesi, in fase quindi di apprendimento della deambulazione autonoma) con quelle di un gruppo di controllo composto da donne senza figli ad un compito in cui veniva loro chiesto di completare la planimetria di una cucina disegnando un tavolo. L'ipotesi che volevamo testare era se le madri, ed in particolare quelle con figli in età 9-18 mese, percepissero gli oggetti come più grandi e più pericolosi rispetto alle donne senza figli o con figli in altre fasce d'età. La scelta del tavolo è stata dovuta al fatto che esso è un oggetto quotidiano e rappresenta un reale pericolo per i bambini che stanno iniziando a camminare, per cui ci aspettavamo che le madri gli prestassero particolare attenzione. Come stimolo neutro, abbiamo utilizzato la planimetria di un tavolo ed abbiamo chiesto alle donne di disegnare la custodia di un cd, un oggetto meno comune e non pericoloso per i bambini. Prima di somministrare il compito sperimentale, abbiamo sottoposto le donne ad un test di screening (VOSP) per verificare che nessuno dei soggetti presentasse alla base dei deficit visivi. Abbiamo inoltre inserito un test sull'ansia (STAI-Y) per valutare se ci fosse una correlazione tra ansia della madre e ampiezza del deficit percettivo. I risultati indicano che le donne con figli in età 9-18 mesi percepiscono il tavolo come più grande rispetto agli altri gruppi di donne: lo stesso non accade invece qualora lo stimolo non sia saliente per l’incolumità fisica del bambino, come nel caso della custodia del cd. Inoltre, il livello d’ansia non sembra influenzare la prestazione dei soggetti, indicando quindi indipendenza tra quest’ultimo e deficit percettivi. Tali risultati suggeriscono che la causa dei bias visivi riscontrati nelle madri potrebbe essere ricercata, anche dopo la nascita del bambino, proprio nella motivazione a proteggere il figlio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Questa tesi nasce dal mio interesse personale per il mondo della genitorialità e per quello dei bambini. Basta fare una piccola ricerca su internet per rendersi conto del fatto che molto è già stato scritto su questi temi: i database e le librerie pullulano di libri, ricerche e tesi sulla maternità, sulla relazione madre-bambino, sui cambiamenti all’interno della coppia in seguito all’arrivo di un figlio, sullo sviluppo infantile e così via. L ’obiettivo di questa tesi è però differente: si parla sì di maternità, ma da un punto di vista totalmente diverso. Un punto di vista che tiene in considerazione non solo i cambiamenti psicologici e relazionali che coinvolgono le madri nel momento in cui si trovano a dover accudire un bambino piccolo, ma anche quelli più prettamente neuropsicologici. Nello specifico, con la presente tesi si vanno ad indagare i cambiamenti che avvengono a livello visuo-percettivo nelle madri: la letteratura suggerisce infatti come durante la gravidanza la madre sia soggetta ad alcuni bias percettivi funzionali alla protezione del feto. Ci si è quindi basati su queste ricerche per implementare uno studio pilota che andasse a verificare se tali alterazioni nella percezione visiva potessero mantenersi anche dopo la nascita del bambino. Il lavoro di ricerca descritto nel quarto capitolo tenta proprio di rispondere a tali interrogativi. Naturalmente la parte sperimentale della presente tesi di laurea è preceduta da una rassegna bibliografica che delucida le basi scientifiche su cui si è poggiato lo studio pilota. Il primo capitolo è dunque dedicato ad un excursus aggiornato e scientifico in materia di psicologia della genitorialità: si parla dei cambiamenti psicologici che coinvolgono i genitori, dei compiti di sviluppo a cui devono far fronte nel momento in cui la coppia si trasforma in famiglia e del significato che l’avere dei figli assume nella nostra cultura. Allo stesso tempo, ampio spazio viene riservato anche alla fisiologia della genitorialità, ovvero alle modificazioni neuro-endocrine che concorrono nel trasformare l’essere umano da individuo a genitore, soffermandosi in particolare sulle fasi che rappresentano il punto di svolta per la genitorialità: la gravidanza, con le trasformazioni che comporta sulla sfera fisica e psichica della madre, il parto, descritto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi