Skip to content

L'evoluzione della finanza etica: dai Monti di Pietà al microcredito oggi

Informazioni tesi

  Autore: Martina Piersantelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Gaetano Sabatini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

Con il presente lavoro si vuole delineare l’evoluzione delle strutture che si sono interessate, in tempi e luoghi differenti, a quella che oggi definiamo finanza etica particolarmente dell’aspetto che riguarda la microfinanza. Di istituzioni che si occuparono di questo argomento troviamo traccia già a partire dal XV secolo quando, a Perugia, vide luce il primo Monte di Pietà. Se il nostro lavoro non prendesse le mosse da tale periodo, oggi non riusciremo a comprendere appieno il senso della microfinanza e del suo successo.
Ruolo chiave in tale evoluzione ha avuto la forma mentis cristiana e dall'assunto di base che, per migliorare la condizione di vita di molti bisogna, innanzitutto renderli partecipi della vita economica. Servono, dunque, strumenti idonei. Man mano ci si discosta dal significato classico di beneficentia cristiana che porta alla paralisi dell’azione umana e si preferisce, invece, puntare su piccoli prestiti fondamentali per l’attivazione economica dell’individuo.
In un periodo molto più vicino a noi rispetto a quello che vede la nascita dei Monti prima e delle Casse poi, compie i primi passi quella che oggi definiamo propriamente finanza etica e per la quale al centro dell’operato non deve essere il denaro ma l’individuo in quanto tale. Una delle massime espressioni della finanza etica è, indubbiamente, il microcredito ed emblematica è l’esperienza della Grameen Bank. L’esperienza bengalese ha ottenuto un successo talmente ampio da suscitare notevoli critiche ma anche da portare a pensare ad un’esportazione del sistema in altre parti del mondo che sembrano versare, ad una prima osservazione, in una situazione meno grave rispetto al Bangladesh. Ma, ad un maggior approfondimento risulterà oltremodo evidente l’esistenza di una sacca di popolazione che vive al di sotto del limite della povertà assoluta stabilito dalla Banca Mondiale. Da questa volontà sembrerebbe derivare il progetto UniCredit Foundation – Università di Bologna messo in cantiere nel 2009 e in procinto di essere avviato per la fine del 2011 (cosa in realtà mai avvenuta!).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Con il presente lavoro si vuole delineare l’evoluzione delle strutture che si sono interessate, in tempi e luoghi differenti, a quella che oggi definiamo finanza etica particolarmente dell’aspetto che riguarda la microfinanza. Di istituzioni che si occuparono di questo argomento troviamo traccia già a partire dal XV secolo quando, a Perugia, vide luce il primo Monte di Pietà. Se il nostro lavoro non prendesse le mosse da tale periodo 1 , oggi non riusciremo a comprendere appieno il senso della microfinanza e del suo successo. Ma per affrontare un tale tema dobbiamo prima trattare del perché istituzioni del genere siano, oggi come ieri, necessarie. Bisogna dunque partire dal concetto di povertà e dal presupposto che la vede come un fattore endemico nelle società umane. Evidenziamo anche che la sua natura è mutata nel corso del tempo. Nel succitato periodo i poveri erano identificati con coloro che presentavano disagi fisici 2 . Da quando hanno preso il via le trasformazioni economiche che porteranno alla rivoluzione industriale a queste forme di povertà se ne sono affiancate delle nuove che colpiscono chi non riesce a tenersi al passo con i cambiamenti economico – sociali o che risentono gravemente delle fluttuazioni economiche. Le società hanno dovuto iniziare a fronteggiare la povertà attraverso interventi pubblici e privati. Importante, nel mondo occidentale, sono state le radici cristiane che hanno portato a sottolineare l’urgenza di un intervento. Essere povero ed essere escluso dalla società sono fattori da sempre legati inscindibilmente. Per cercare di migliorare la condizione di vita di molti bisogna, oggi come ieri, innanzitutto renderli partecipi della vita economica e per farlo serve fornire gli strumenti. Ci si inizia dunque a discostare dal significato classico di beneficentia cristiana che paralizza l’azione umana e si preferisce, invece, puntare su piccoli prestiti fondamentali per l’attivazione economica dell’individuo. Nella realtà dei Monti di Pietà i prestiti vengono corrisposti attraverso l’uso di pegni da restituire solo una volta che il prestito fosse stato rimborsato. Centrale nell’operato dei Monti di Pietà sono gli insegnamenti di Bernardino da Feltre attraverso i suoi sermoni indirizzati soprattutto contro l’usura 3 . Soggetti destinatari dei Monti furono i poveri meno poveri coloro 1 Se non addirittura da uno precedente che risale al sec. XI con il consolidamento dell’ordine cistercense. 2 Nello specifico ci si riferisce soprattutto a malati, handicappati ma anche anziani,. 3 L’impegno di Bernardino da Feltre verrà premiato nel 1515 da papa Leone X con la bolla Inter Multiplices

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

casse di risparmio
microcredito
grameen bank
yunus
unicredit foundation
monti di pietà

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi