Skip to content

Mercato Agroalimentare Mondiale ed Economia Sociale di Mercato

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Cecinati
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia, Finanza e Integrazione Internazionale
  Relatore: Marcella Nicolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

Questa tesi è disponibile nelle seguenti traduzioni:

L’iniqua distribuzione delle risorse agroalimentari a livello mondiale può essere attutita attraverso un rinnovamento delle istituzioni internazionali. Fondendo l’esperienza europea dell’Economia Sociale di Mercato e quella internazionale del Protocollo di Kyoto, si sono tracciate le linee guida per un nuovo modello istituzionale.
L’obiettivo è quello di orientare l’interesse economico privato verso il perseguimento del bene comune. Lo strumento proposto è un sistema di concessioni “Cap and Trade” diretto a orientare il mercato agroalimentare verso una sostanziale riduzione del numero di persone denutrite al Mondo.
Questa tesi vuole altresì fornire un argomento di riflessione per il dibattito accademico e politico che l’EXPO di Milano 2015 chiama tutti a condurre.
Nella prima parte del lavoro vengono analizzate le politiche internazionali riguardanti il tema dello sfruttamento delle energie fossili in relazione al surriscaldamento terrestre. Viene quindi mostrato come il successo o l’insuccesso della cooperazione internazionale risieda nell’interesse economico di cui le parti in causa possono beneficiare.
Su questa ipotesi si argomenta nella seconda parte l’impostazione economica liberale come alternativa al liberismo. In particolare si espone l’esperienza tedesca dell’Economia Sociale di Mercato e i suoi principi guida.
Nella terza parte si riprende il problema del clima trattato nella prima parte e si enfatizza come la soluzione adottata nel Protocollo di Kyoto rispetti i canoni dell’Economia Sociale di Mercato. Nello specifico viene studiato come l’Emission Trading System possa evolvere verso una struttura di Cap and Trade a livello internazionale. Nella seguente quarta parte si generalizza il modello al fine di poterlo adattare a contesti altri da quello delle emissioni di gas serra.
Nella quinta parte dunque viene sviluppata un’analisi qualitativa e quantitativa del settore agroalimentare, mettendo il problema della denutrizione sotto una nuova luce. A fronte delle argomentazioni addotte in precedenza è stato possibile nella sesta parte comprendere i difetti delle politiche di cooperazione internazionale intraprese sinora dai governi per la sicurezza alimentare.
Nella settima ed ultima parte riprendendo la modellizzazione di Cap and Trade effettuata nella quarta parte, si adatta questo schema interpretativo alle peculiarità del mercato agroalimentare viste nella quinta parte. Si propone quindi la creazione di un meccanismo di Cap and Trade che si applichi allo spreco delle risorse agroalimentari, creando un sistema di trading delle “concessioni allo spreco”. In analogia all’Emission Trading System esistente, si è ipotizzata la nascita di un Wasting Trading System.
Seppur complessa la realizzazione di un tale meccanismo di mercato, permetterebbe di convogliare le forze di mercato verso la riduzione della denutrizione e degli sprechi di risorse agroalimentari.
Negli ultimi decenni si è creata la tendenza a demonizzare il mercato globale come un nemico da combattere. Definendo le giuste regole del gioco è forse possibile trasformare questo grosso problema in un’opportunità da cui tutta l’umanità possa trarre vantaggio? Questo è il quesito a cui si ambisce a dare risposta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
11 INTRODUZIONE L’iniqua distribuzione delle risorse agroalimentari a livello mondiale può essere attutita attraverso un rinnovamento delle istituzioni internazionali. Fondendo l’esperienza europea dell’Economia Sociale di Mercato e quella internazionale del Protocollo di Kyoto, si sono tracciate le linee guida per un nuovo modello istituzionale che fonda la libertà del mercato globale con la solidarietà del sistema economico europeo. La cooperazione internazionale può fare frutto dell’esperienza del Protocollo di Kyoto e stabilire una struttura istituzionale che permetta di orientare l’interesse economico privato verso il perseguimento del bene comune. Lo strumento proposto tramite cui è possibile perseguire questo risultato è un sistema di concessioni “Cap and Trade” diretto a orientare il mercato agroalimentare verso una sostanziale riduzione del numero di persone denutrite al Mondo. Questa tesi non ambisce a delineare una soluzione al problema che possa essere direttamente applicabile, bensì vuole fornire un argomento di riflessione per il dibattito accademico e politico che l’EXPO di Milano 2015 chiama tutti a condurre. Di seguito si esporranno brevemente i passaggi seguiti durante l’elaborazione del lavoro. Nella prima parte del lavoro si mette in luce come determinate risorse economiche possano essere percepite come beni pubblici globali e, per questa ragione, oggetto di politiche sovranazionali. 1 In particolar modo viene analizzato il tema dello sfruttamento delle energie fossili in relazione al problema del surriscaldamento terrestre. 1 Per la definizione di “beni pubblici globali” si veda il CAPITOLO III.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi