Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela del turista-consumatore. Dalle origini al Web 2.0

Questo studio ha lo scopo di dimostrare l’evoluzione del viaggiatore da turista a consumatore in relazione alla sua tutela e l’importanza economica che riveste, attraverso la descrizione dei più influenti eventi storici che lo hanno trasformato nel consumatore turistico di oggi. Sarà analizzato il prodotto turistico, l’impatto economico che il settore ha in Europa ed in Italia, le convenzioni, i regolamenti e le direttive più influenti in ambito internazionale ed europeo inerenti al contratto di viaggio e ai pacchetti turistici “tutto compreso”, l’estensione della tutela turistica anche al danno da vacanza rovinata e al fenomeno dell’overbooking con particolare riferimento al valore dell’informazione. Saranno analizzati i nuovi sistemi di ricerca di informazioni, condivisione di esperienze e acquisto di viaggi online del Web 2.0 attraverso i diversi devices di accesso alla rete che definiscono un nuovo modo di “fare turismo” sempre più personalizzato. Dopo aver dimostrato il mercato in cui il turismo opera sarà evidenziata la crescita constante dell’e-commerce applicata al Turismo 2.0 e la necessità di adattamento della Direttiva CEE n.314 del 1990 inerente ai viaggi “tutto compreso” all’era digitale per estendere la tutela anche ai consumatori che acquistano questi servizi turistici personalizzati tramite Internet. Sarà dimostrata l’importanza dell’informazione per garantire una maggiore trasparenza tra domanda e offerta e la vicinanza al consumatore attraverso apps per smartphones in grado di aiutare gli utilizzatori a fronteggiare gli inconvenienti verificatisi durante l’esperienza turistica e accedere facilmente alle informazioni corrette sui loro diritti nel momento esatto in cui hanno necessità.

Mostra/Nascondi contenuto.
ABSTRACT Questo studio ha lo scopo di dimostrare l’evoluzione del viaggiatore da turista a consumatore in relazione alla sua tutela e l’importanza economica che riveste, attraverso la descrizione dei più influenti eventi storici che lo hanno trasformato nel consumatore turistico di oggi. Sarà analizzato il prodotto turistico, l’impatto economico che il settore ha in Europa ed in Italia, le convenzioni, i regolamenti e le direttive più influenti in ambito internazionale ed europeo inerenti al contratto di viaggio e ai pacchetti turistici “tutto compreso”, l’estensione della tutela turistica anche al danno da vacanza rovinata e al fenomeno dell’overbooking con particolare riferimento al valore dell’informazione. Saranno analizzati i nuovi sistemi di ricerca di informazioni, condivisione di esperienze e acquisto di viaggi online del Web 2.0 attraverso i diversi devices di accesso alla rete che definiscono un nuovo modo di “fare turismo” sempre più personalizzato. Dopo aver dimostrato il mercato in cui il turismo opera sarà evidenziata la crescita constante dell’e-commerce applicata al Turismo 2.0 e la necessità di adattamento della Direttiva CEE n.314 del 1990 inerente ai viaggi “tutto compreso” all’era digitale per estendere la tutela anche ai consumatori che acquistano questi servizi turistici personalizzati tramite Internet. Sarà dimostrata l’importanza dell’informazione per garantire una maggiore trasparenza tra domanda e offerta e la vicinanza al consumatore attraverso apps per smartphones in grado di aiutare gli utilizzatori a fronteggiare gli inconvenienti verificatisi durante l’esperienza turistica e accedere facilmente alle informazioni corrette sui loro diritti nel momento esatto in cui hanno necessità.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Valdemarca Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1804 click dal 21/08/2015.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.