Skip to content

Picturesque, Villainy, Sensibility in The Mystery of Edwin Drood: Charles Dickens e il romanzo gotico tra tradizione e innovazione.

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Marras
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Maria Grazia Dongu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

Il presente studio sul romanzo dickensiano "The Mystery of Edwin Drood" verte su tre gothic patterns (picturesque, villainy, sensibiliy) rielaborati, e resi quanto mai attuali, a partire dalla tradizione tardo-settecentesca del romanzo gotico inglese. Charles Dickens, scrittore dell'Età Vittoriana, nel plasmare la sua opera, attinse in particolare dal repertorio letterario di Ann Radcliffe, adattando ai suoi moderni intenti di critica e riforma sociale lo stile, le tipologie umane e gli effetti "pittorici" presenti in "The Romance of the Forest","The Mystery of Udolpho" e "The Italian", pubblicati dalla Radcliffe nell'ultima decade del XVIII secolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La fiorente stagione del romanzo gotico inglese, inaugurata nel 1764 da Horace Walpole con The Castle of Otranto, a Gothic Romance, ha coperto a più riprese all’incirca un lustro, dominando tutto il trentennio di fine Settecento e anche il primo ventennio dell’Ottocento. La scrittrice Ann Ward, maggiormante nota come Ann Radcliffe, dovette il proprio clamoroso successo, che le valse la reputazione di “ Queen of Terror” 1 , proprio alla sua maestria in questo genere. Il vasto successo di pubblico ottenuto dalle sue opere e da quelle di altri maestri come Matthew Gregory Lewis, non solo generò in quegli anni una sovrapproduzione di romanzi gotici minori, più commerciali e di maniera, ma consacrò tematiche e ambientazioni letterarie alle quali gli scrittori dell’E tà Vittoriana, tra cui Charles Dickens, attinsero copiosamente e diedero nuovo respiro. Charles Dickens fu sempre soggetto al fascino della narrativa gotica Tardo– Settecentesca e Primo–Ottocentesca 2 , ma mai come nella fase conclusiva della sua vita di scrittore, attinse così a piene mani da quell’inesauribile repertorio tematico e scenografico di cui il suo ultimo romanzo, The Mystery of Edwin Drood (1870), reca tracce particolarmente evidenti e abbondanti. Questa tesi nasce proprio con lo scopo di individuare, all’interno del romanzo sopra citato, almeno tre dei principali gothic patterns (quelli esplicitati nel titolo del presente lavoro) e di porre in relazione l’uso che ne fece Dickens con l’uso che ne fece Ann Radcliffe in The Romance of the Forest (1791), The Mysteries of Udolpho, a Romance (1794) e The Italian, or the Confessional of the Black Penitents (1797). Esaminando e confrontando le opere appena menzionate sono emersi sorprendenti punti di contatto tra i due autori, ma soprattutto si può notare come Dickens abbia saputo 1 PAUL VARNER, Historical Dictionary of Romanticism in Literature, Rowman & Littlefield Publishers, Lanham, 2014, p.332. 2 Non esiste, infatti, un’opera di Dickens del tutto esente dall’influsso di tale narrativa. Da sempre egli utilizza la tipica polarizzazione “gotica” villains/heroes and heroines: cinici seduttori, calcolatori spietati, parassiti sociali, personaggi abietti e invidiosi votati alla frode e alla menzogna gravitano continuamente intorno a coloro che, forti della propria integrità morale, perseguono onestamente e con vera umiltà cristiana un ideale di vita cristallino, che antepone l’amore verso il prossimo all’amor proprio e il bene altrui al bieco tornaconto personale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

charles dickens
pittoresco
vittorianesimo
romanzo gotico
ann radcliffe
the italian
the mystery of edwin drood
the mystery of udolpho
john jasper
the romance of the forest

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi