Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La vibrazione come tecnica integrativa nel massaggio sportivo

La seguente tesi ha il preciso obiettivo di analizzare da un punto di vista scientifico i reali benefici per l'organismo apportati dal massaggio sportivo.
Verrà presa in esame la tecnica di massaggio vibratoria applicata in generale a qualsiasi zona del corpo, come viene eseguita, come è costituito l'apparato muscolare e tendineo, come funziona dal punto di vista fisiologico, le metodologie di diagnosi di eventuali traumi, le varie tipologie di massaggi sportivi e i benefici da questi apportati, le applicazioni pratiche per evitare gli stiramenti migliorando la decontrattura.
Inoltre verranno prese in considerazione le varie patologie muscolari e tendinee e le rispettive terapie mediche e massoterapiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questo lavoro di documentazione e ricerca prende in esame la tecnica vibratoria nel massaggio sportivo e i reali benefici apportati. Mi ha sempre affascinato il massaggio sportivo poiché trovo interessante il fatto che si possano prevenire traumi e, allo stesso tempo, migliorare la performance sportiva tramite la manipolazione di determinate zone del corpo. Il termine “massaggio” indica l' insieme di diverse tecniche di manipolazione praticate sulla cute di una persona: nel campo dello sport si definisce “massaggio sportivo” e serve a prevenire traumi, oltre che ottimizzare la prestazione. La conoscenza fatta con il massofisioterapista dottor Sergio Pellerey durante la mia esperienza di lavoro come preparatore atletico presso la società sportiva “Caselle Calcio” ha incrementato in me la curiosità per questa pratica clinica dal momento che io stesso ne ho avuto bisogno. Spesso viene attribuito un ruolo marginale alla fase di massaggio pre e post gara non tenendo conto dei reali benefici e non comprendendo che non è solo un surplus, ma una vera e propria necessità nella preparazione psicofisica nella attraverso cui muscoli e tendini vengono sollecitati in maniera positiva per permettere all' atleta di dare il cento per cento in gara. Lo scopo dell' elaborato di Tesi è quello di sfatare questi falsi miti e di dimostrare attraverso un' attenta analisi 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Marco Sangiorgi Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 467 click dal 30/06/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.