Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le varietà della lingua tedesca in Svizzera

Questo lavoro di tesi è composto di tre parti:

- La prima parte fa una panoramica generale della situazione geo-politica della Svizzera e della situazione linguistica nelle altre tre aree linguistiche del Paese (Svizzera francese, italiana e romancia), per poi incentrarsi più nel dettaglio sulla Svizzera germanofona, dello svizzero-tedesco, delle sue caratteristiche fonetiche e grammaticali che più lo contraddistinguono dal tedesco ufficiale, attraverso molti esempi. Inoltre, alla fine di questo capitolo, si parla del tedesco vallese e delle sue caratteristiche rispetto allo svizzero-tedesco e al tedesco ufficiale, nonché delle opere fondamentali per la linguistica dialettale.

- La seconda parte tratta la storia e l'evoluzione del dialetto nel corso dei secoli, legata essenzialmente alla storia della Svizzera.

- La terza parte parla del modo in cui viene usato quotidianamente il dialetto dalla popolazione svizzera di lingua tedesca, quali sono gli ambiti in cui predomina il dialetto e quali il tedesco ufficiale, sia dal punto di vista scritto che orale. Inoltre si parla del rapporto che hanno gli stessi Svizzeri tedeschi con la lingua tedesca, e con i Tedeschi in generale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREFAZIONE 1 La lingua tedesca fa parte del gruppo delle lingue germaniche e con queste rientra nella più vasta famiglia delle lingue indoeuropee ¹. Il tedesco, come lingua letteraria e amministrativa, soltanto in epoca moderna ha unificato, nei territori delle nazioni germanica e austriaca, le regioni settentrionali della Germania con le restanti regioni meridionali; però sul piano della lingua colloquiale regionale, il nord della Germania si differenzia dal centro- sud: con riferimento alla latitudine, si distingue pertanto il “basso-tedesco” (Niederdeutsch o Plattdeutsch, ovvero “tedesco di facile apprendimento”) parlato a nord, e l’alto tedesco (Hochdeutsch) parlato nel centro-sud. In epoca antica queste differenze erano più accentuate. Il tedesco, che fra tutti i Paesi dell’Europa occidentale è la lingua che conta il maggior numero di locutori, è parlata e riconosciuta come lingua ufficiale in Germania, Austria, Svizzera e nel Principato del Liechtenstein, ma viene anche parlata da numerose minoranze sparse per l’Europa, come in Italia (Alto Adige e Friuli), Romania, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e da altre minoranze disseminate nel mondo, come in Argentina, Brasile e Stati Uniti (cfr. la popolazione degli Amish 2 ). È bene sottolineare che non in tutti questi territori la lingua tedesca assume il ruolo di lingua ufficiale e che una lingua tedesca “standard”, uguale per tutti, di fatto non esiste: abbiamo certamente una lingua tedesca della Germania, ma essa si differenzia, e talvolta non di poco, da quella parlata in Austria o in Svizzera. Le differenze possono essere sia di natura semantica, riguardanti cioè il significato delle parole, ma possono 1 Il termine Indoeuropeo è stato introdotto per la prima volta nel 1813 da Thomas Young, ma in Germania viene usata l’espressione Indogermanisch “indogermanico” (cfr. Coletsos Bosco, S. (2003) “Storia della lingua tedesca - II ediz. riveduta e ampliata”. Torino: Rosenberg & Sellier Editore). 2 Gli Amish sono una comunità religiosa nata in Svizzera nel ‘500 e stabilitasi negli Stati Uniti nel ‘700, dove la comunità più grande si trova in Ohio. Gli Amish parlano tradizionalmente un dialetto tedesco chiamato tedesco della Pennsylvania (Pennsilfaanisch Deitsch).

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Andrea Nobile Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1721 click dal 24/09/2015.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.