Skip to content

La domanda di formazione universitaria in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali

Informazioni tesi

  Autore: Caterina Stortini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Giorgio  Montanari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

La storia recente del sistema universitario italiano è interessata da un intenso processo riformista, che, nelle intenzioni dei promotori, rispondeva alla necessità non solo di innovare l’istruzione terziaria del paese ma anche di favorire l’intrapresa degli studi universitari da parte di un numero maggiore di studenti, in modo tale da ridurre il divario con gli altri paesi europei in termini di capitale umano.
Ottenere simili risultati era possibile solo operando una completa riorganizzazione dell’intero apparato accademico, un traguardo che è si cercato di raggiungere mediante una pluralità di interventi normativi avviati all’inizio degli anni Novanta e che hanno realizzato il passaggio da un sistema centralistico ad un sistema delle autonomie a favore delle università e sfociati nella cosiddetta riforma del “tre più due”. Essa rappresenta l’inizio di un radicale cambiamento nell’organizzazione e nell’erogazione dell’offerta di formazione universitaria. Rivoluzionando profondamente l’architettura degli ordinamenti didattici, con l’introduzione di due livelli di laurea e tutta una serie di fattori innovativi (riordino dei corsi nelle classi di laurea; corsi di formazione post-laurea; sistema dei crediti formativi; ecc.) diretti a migliorare l’efficienza produttiva del sistema, la riforma dell’autonomia didattica del 1999 ha effettivamente aumentato l’attrattività delle università nei confronti della popolazione studentesca, tanto da provocare un boom delle immatricolazioni nei primi anni della sua applicazione. La dinamica quasi esplosiva che ha caratterizzato la domanda di formazione universitaria all’inizio degli anni Duemila subisce un arresto e una totale inversione di tendenza a partire dall’anno accademico 2003/04, sintomo che la novità rappresentata dalla riforma dei cicli universitari ha in parte esaurito i suoi effetti positivi.
Il presente elaborato si pone l’obiettivo di fornire informazioni sulla preoccupante contrazione delle immatricolazioni universitarie degli ultimi anni, che può essere colta nel quadro più generale delle riforme universitarie nel frattempo intervenute e di altri fattori esterni concomitanti. Strutturato in due capitoli, il primo di essi tratta le principali fasi di riforma del sistema d’istruzione superiore nell’ultimo decennio, con particolare attenzione al Decreto Ministeriale del 3 novembre 1999, n. 509, che appare decisivo sotto il duplice aspetto del rinnovamento dell’offerta didattica degli atenei e della convergenza del sistema accademico verso lo “Spazio europeo dell’istruzione superiore”. Per completare il quadro normativo è necessario prendere in esame dapprima il DM del 22 ottobre 2004, n. 270, che apporta ulteriori trasformazioni nell’ambito dell’offerta formativa degli atenei, e infine la Legge del 30 dicembre 2010, n. 240, che, nel contesto più ampio di riforma del finanziamento e della governance delle istituzioni universitarie, introduce diversi requisiti per l’attivazione dei corsi di studio.
Il secondo capitolo invece, si focalizza sull’impatto che le riforme hanno avuto sulla domanda di formazione universitaria, ripercorrendo l’andamento decrescente, emerso negli ultimi dieci anni, del numero di studenti immatricolati nel complesso degli atenei italiani, per poi verificare come il declino delle immatricolazioni che si è manifestato a livello nazionale abbia riguardato nello specifico anche la classe delle lauree in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Da ultimo vengono osservate le tendenze registrate dall’Università degli Studi di Perugia con riferimento sia alle immatricolazioni totali dell’ateneo, sia alle immatricolazioni nei corsi di laurea afferenti alla classe di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, confrontandole infine con gli andamenti registrati da altre realtà universitarie vicine alla realtà perugina.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La storia recente del sistema universitario italiano è interessata da un intenso processo riformista, che, nelle intenzioni dei promotori, rispondeva alla necessità non solo di innovare l’istruzione terziaria del paese ma anche di favorire l’intrapresa degli studi universitari da parte di un numero maggiore di studenti, in modo tale da ridurre il divario con gli altri paesi europei in termini di capitale umano. Ottenere simili risultati era possibile solo operando una completa riorganizzazione dell’intero apparato accademico, un traguardo che è si cercato di raggiungere mediante una pluralità di interventi normativi avviati all’inizio degli anni Novanta e che hanno realizzato il passaggio da un sistema centralistico ad un sistema delle autonomie a favore delle università e sfociati nella cosiddetta riforma del “tre più due”. Essa rappresenta l’inizio di un radicale cambiamento nell’organizzazione e nell’erogazione dell’offerta di formazione universitaria. Rivoluzionando profondamente l’architettura degli ordinamenti didattici, con l’introduzione di due livelli di laurea e tutta una serie di fattori innovativi (riordino dei corsi nelle classi di laurea; corsi di formazione post- laurea; sistema dei crediti formativi; ecc.) diretti a migliorare l’efficienza produttiva del sistema, la riforma dell’autonomia didattica del 1999 ha effettivamente aumentato l’attrattività delle università nei confronti della popolazione studentesca, tanto da provocare un boom delle immatricolazioni nei primi anni della sua applicazione. La dinamica quasi esplosiva che ha caratterizzato la domanda di formazione universitaria all’inizio degli anni Duemila subisce un arresto e una totale inversione di tendenza a partire dall’anno accademico 2003/04, sintomo che la novità rappresentata dalla riforma dei cicli universitari ha in parte esaurito i suoi effetti positivi. Il presente elaborato si pone l’obiettivo di fornire informazioni sulla preoccupante contrazione delle immatricolazioni universitarie degli ultimi anni, che può essere colta nel quadro più generale delle riforme universitarie nel frattempo intervenute e di altri fattori esterni concomitanti. Strutturato in due capitoli, il primo di essi tratta le principali fasi di riforma del sistema d’istruzione superiore nell’ultimo decennio, con particolare attenzione al Decreto Ministeriale del 3 novembre 1999, n. 509, che appare decisivo sotto il duplice aspetto del rinnovamento dell’offerta didattica degli atenei e della convergenza del sistema accademico verso lo “Spazio europeo dell’istruzione superiore”. Per completare il quadro normativo è necessario prendere in esame dapprima il DM del 22 ottobre 2004, n. 270, che apporta ulteriori trasformazioni nell’ambito dell’offerta formativa degli atenei, e infine la Legge del 30 dicembre 2010, n. 240, che,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi