Skip to content

Metodologia generale dell'insegnamento della Breakdance

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Colenghi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Brescia
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Massimiliano Gobbo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

Pur essendo la Breakdance una disciplina ormai presente da decenni e diffusa a livello mondiale, attualmente non esistono linee generali da seguire per insegnare al meglio questa disciplina in modo corretto e sicuro. Da qui l'idea di raccogliere informazioni da testi pubblicati, insegnamenti e consigli da professionisti riconosciuti a livello internazionale e, non da ultimo, conoscenze derivate dall'esperienza personale con l'intento di organizzare il materiale in modo sistematico e proporre una “guida” per insegnanti di Breakdance.
La tesi è composta da tanti piccoli capitoli che rappresentano i vari step essenziali affinché un allievo possa comprendere questa disciplina in ogni suo aspetto e, magari, diventare un giorno un professionista , grazie all’aiuto di un insegnante competente e di livello.
L’obiettivo non è quello di elencare dettagliatamente gli esercizi da proporre in ogni sessione di allenamento o di descrivere nello specifico ogni singolo gesto tecnico, ma di creare una sorta di manuale che informi gli insegnanti di Breakdance su come è meglio procedere e su cosa lavorare per far sì che ogni allievo , in ogni periodo della sua carriera da ballerino, abbia le capacità adatte ad allenarsi al meglio e con sicurezza.
La prima parte (capitoli 1-7) è dedicata ai bambini che entrano per la prima volta in una palestra. L’obiettivo è quello di rendere il bambino in grado di imparare velocemente gli elementi tecnici che verranno successivamente spiegati, attraverso un allenamento generale di tutte le capacità motorie.
Nella seconda parte invece (capitoli 8-9) viene analizzata la componente puramente tecnica della Breakdance e viene spiegato come valutare le predisposizioni di ogni allievo e proporre il tipo di allenamento adatto ad ognuno di loro in base alle caratteristiche rilevate.
La terza parte (capitoli 10-13) è volta a spiegare alcuni concetti teorici avanzati della disciplina, utili ad alzare notevolmente il livello dell’atleta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La Breakdance, definibile anche con il termine Breaking, è una danza sportiva riconosciuta dal CONI nella categoria Danze Urbane. Il Breaking è una disciplina di ballo della cultura hip hop sviluppato dalle comunità giovanili afro-americane e latinoamericane del Bronx a partire dal 1968. I ballerini di Breakdance vengono chiamati Bboy [1] . La Breakdance è caratterizzata da movimenti non naturali del corpo, rotazioni e passi acrobatici spettacolari. La particolarità di questo tipo di ballo è l’utilizzo del suolo. Nella maggior parte degli stili di danza i passi prevedono principalmente un contatto col pavimento limitato agli arti inferiori. Il concetto fondamentale del Breaking invece è quello di sfruttare al massimo la superficie su cui si balla, creando passi e evoluzioni con qualsiasi parte del corpo e avendo un contatto diretto continuo col pavimento. Infatti solamente una minima parte di passi prevede l’utilizzo esclusivo degli arti inferiori eseguiti in posizione eretta. La maggior parte dei passi invece si eseguono a terra, utilizzando mani, piedi, gomiti, testa, schiena e qualsiasi altra parte del corpo come punto di appoggio e/o di equilibrio. I passi del Breaking si dividono in cinque categorie di movimento che poi, unite assieme in modo armonico e logico, creano una “entrata” [2] : - Toprocks: passi eseguiti in piedi. Generalmente sono passi che vengono utilizzati all’inizio dell’entrata e servono essenzialmente per “prendere il tempo” della musica, mostrare una parte dello stile personale del bboy e a riscaldare il corpo per una successiva transizione a manovre con più forte componente acrobatica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

musica
metodologia
ballo
allenamento
hip hop
bboy
breakdance
breaking

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi