Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

José Ángel Valente, il poeta e le arti

La convergenza di vedute sulle arti che intercorre fra il poeta galiziano José Ángel Valente, lo scultore basco Eduardo Chillida, il pittore aragonese Antonio Saura e il pittore catalano Antoni Tàpies dimostrata attraverso l'enunciazione del pensiero di ciascuno di loro e le collaborazioni che ci furono fra di essi.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1 Introduzione Il poeta José Ángel Valente ad Almería Questa tesi mira a provare l’esistenza di alcune affinità fra il pensiero e le opere del poeta galiziano José Ángel Valente e quelli di alcuni artisti. In particolare, lo scritto verterà sul tentativo di dimostrare la convergenza di vedute su qualche aspetto delle arti tra Valente i pittori Antoni Tàpies ed Antonio Saura e lo scultore Eduardo Chillida. La trattazione si impernierà sull’esame di parte delle loro riflessioni e teorizzazioni sulle arti, nonché su dei testi di commento e critica ad esse. Inoltre, cercheremo di esaminare le opere nate dalla collaborazione tra questi artisti e quelle realizzate a partire da influenze reciproche o univoche. L’insieme di tali osservazioni avrà il fine, come già sostenuto in precedenza, di provare la sussistenza di analogie artistiche tra Valente, da una parte, e Tàpies, Chillida e Saura, dall’altra. Antoni Tàpies Eduardo Chillida Antonio Saura

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulio Bartolini Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 125 click dal 01/10/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.