Skip to content

Sintesi 18F-FDG alla luce delle nuove norme: convalida di un controllo qualità

Informazioni tesi

  Autore: Gaspare Guglielmi
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Farmacia Ospedaliera e Territoriale
Anno: 2006
Docente/Relatore: Eleonora Santucci
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

Si può dire che la PET (Tomografia ad Emissione di Positroni) ha assunto oggi giorno un ruolo fondamentale nella diagnostica clinica in quanto le informazioni che ne derivano, basate su meccanismi di flusso, metabolismo e attività cellulare, si dimostrano essenziali nel dare indicazioni conclusive su svariati quesiti diagnostici nel campo dell’oncologia, neurologia e cardiologia.
Soprattutto in campo oncologico si è assistito alla trasformazione dell’iniziale ruolo della PET quale sofisticato strumento di ricerca in quello di metodica innovativa, preziosa per la diagnostica quotidiana.
L’esperienza quotidiana conferma che in numerose situazioni si possono avere documentate dimostrazioni sulla superiorità della PET rispetto alle tecniche radiologiche più avanzate quali TAC e RM.
In particolare sono i risultati ottenuti con il 18F-FDG a valorizzare la utilità clinica della PET per le caratteristiche fisiche del 18F, per la versatilità di indicazioni dell’FDG, per la sua produzione relativamente agevole e standardizzata, nonché per la sua adeguatezza al trasporto e alla distribuzione.
Accanto a questo si aggiunga che accurati studi sul rapporto costo/beneficio hanno confermato che la FDG-PET è “cost-effective”.
Inoltre, il suo impiego non solo permette un vantaggioso rapporto costo/beneficio, ma talvolta comporta modificazioni delle strategie adottate nell’iter decisionale cui viene sottoposto il paziente.
La ulteriore espansione della PET in campo clinico sono sicuramente garantiti dalla possibilità di poter sviluppare e utilizzare diversi traccianti, ciascuno in grado di apportare informazioni peculiari in base alle caratteristiche biologiche dei tessuti o del processo che si vuole studiare (si pensi per esempio al potenziale interesse dei diversi aminoacidi, ormoni,dei precursori degli acidi nucleici, dei citostatici marcabili con gli isotopi emettitori di positroni).
Il punto di partenza del mio studio è stato un decreto avente come oggetto l’”Attività di preparazione dei radiofarmaci” emanato nel corso del 2003 ed è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 15 del 20-1-2004.
Lo scopo di tale normativa è quello di favorire lo sviluppo di centri dotati di tomografo ad emissione di positroni sul territorio nazionale, sottolineando nel contempo l’importanza di questo mezzo diagnostico nello staging delle neoplasie, sia nelle sue ulteriori applicazioni in campo cardiaco e neurologico.
Nel decreto viene sottolineato il ruolo del farmacista ospedaliero nelle procedure di preparazione e del controllo di qualità del preparato medicinale, ponendolo come figura cardine per la valutazione del prodotto.
In questo documento sono descritte, sulla falsariga delle NBP presenti in FU XI ed., le regole a cui gli operatori deputati alle preparazioni di tutti i radiofarmaci dovrebbero attenersi durante l’allestimento della preparazione, in modo che al paziente possa essere garantito un prodotto ad alto livello qualitativo.
Infatti il radiofarmaco,in quanto medicinale, prima di essere dispensato viene sottoposto a diversi controlli di qualità per certificarne la purezza chimica e la radioattività, la sterilità del prodotto e l’assenza di certe impurezze del processo di sintesi che possono essere tossiche per il paziente.
Alla luce di questi controlli sul radiofarmaco, ho pensato di esaminare nuovamente l‘argomento, cercando di fornire nuovi esempi pratici su particolari modalità di controllo del preparato e validare tale processo per assicurare ulteriormente la qualità, la sicurezza e l’efficacia del radiofarmaco.
Sarà illustrato nei capitoli successivi una nuova metodica analitica per determinare la presenza del Kryptofix (4,7,13,16,21,24-hexaoxa-1,10-diazabicyclo(8.8.8.)-hexacosame) in modo più semplice e rapido nel prodotto finito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Sintesi 18F-FDG alla luce delle nuove norme:convalida di un controllo qualità 3 Introduzione Si può dire che la PET (Tomografia ad Emissione di Positroni) ha assunto oggi giorno un ruolo fondamentale nella diagnostica clinica in quanto le informazioni che ne derivano, basate su meccanismi di flusso, metabolismo e attività cellulare, si dimostrano essenziali nel dare indicazioni conclusive su svariati quesiti diagnostici nel campo dell’oncologia, neurologia e cardiologia. Soprattutto in campo oncologico si è assistito alla trasformazione dell’iniziale ruolo della PET quale sofisticato strumento di ricerca in quello di metodica innovativa, preziosa per la diagnostica quotidiana. L’esperienza quotidiana conferma che in numerose situazioni si possono avere documentate dimostrazioni sulla superiorità della PET rispetto alle tecniche radiologiche più avanzate quali TAC e RM. In particolare sono i risultati ottenuti con il 18 F-FDG a valorizzare la utilità clinica della PET per le caratteristiche fisiche del 18 F, per la versatilità di indicazioni dell’FDG, per la sua produzione relativamente agevole e standardizzata, nonché per la sua adeguatezza al trasporto e alla distribuzione. Accanto a questo si aggiunga che accurati studi sul rapporto costo/beneficio hanno confermato che la FDG-PET è “cost- effective”. Inoltre, il suo impiego non solo permette un vantaggioso rapporto costo/beneficio, ma talvolta comporta modificazioni delle

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

radiofarmacia
controllo qualità radiofarmaco
sintesi radiofarmaco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi