Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il gap tra le società calcistiche europee ed italiane

I canali telematici sono arrivati alla conclusione che, in seguito al declino subito dal calcio italiano negli ultimi anni in termini di risultati sportivi, hanno generato una minore affluenza da parte dei tifosi allo stadio; tuttavia, nonostante ciò il numero di tifosi che seguono la propria squadra del cuore attraverso uno schermo televisivo, è rimasto invariato. Il tutto può essere ricondotto al forte grado di fidelizzazione da parte del tifoso nei confronti della propria squadra, che tende a rimanere costante a prescindere dai risultati da essa ottenuti in campo di gioco.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. Introduzione. L’industria calcio. Svago, benessere personale e crescita economica , questo è ciò che oggi lo sport rappresenta. Un vero e proprio motore di crescita per l’intera economia capace di creare non sono valore aggiunto ma anche occupazione. Lo sport contribuisce infatti con circa 240 miliardi di euro al valore aggiunto lordo dell’UE e dà occupazione a 4,5 milioni di persone. Numeri esorbitanti ed a dir poco rilevanti considerando la crisi che sta colpendo non solo il nostro Paese ma l’intera economia mondiale. (European Commission, 2014) ”A mio parere, la grande popolarità che ha il calcio nel mondo non è dovuta alle farmacie o agli uffici finanziari, bensì al fatto che in ogni piazza, in ogni angolo del mondo, c’è un bambino che gioca e si diverte con un pallone tra i piedi. Ma il calcio, oggi, è sempre più un’industria e sempre meno un gioco”. (Zdnek, 2004) Era l’ormai lontano 2004 quando la Gazzetta dello Sport riportò questa dichiarazione firmata Zdeněk Zeman. Attraverso poche righe, il famoso tecnico boemo, è riuscito a riassumere l’evoluzione subita dal gioco del calcio nel corso degli ultimi anni, in particolare a partire dagli anni 80. Nel 1981 entrò infatti in vigore la famosa legge 91 /1981 atta a disciplinare lo sport professionistico. Quello sport nato per “colpire” l’aspetto emozionale di ogni appassionato , si è trasformato , assumendo sempre meno la funzione di gioco e diventando sempre più una vera e propria industria.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Cinzia Policastri Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 902 click dal 02/10/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.