Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia dei 7 Vizi Capitali, dal passato alla personalità moderna

Questa indagine si propone di ripercorrere sotto una lente psicologica la storia e l'evoluzione del vizio, in passato comunemente classificato come un comportamento ad accezione negativa, ha accompagnato l'uomo lungo tutto il suo cammino storico-evolutivo. Attraversando varie epoche, caratterizzando le personalità di personaggi storici e mutando forma e nome, il vizio, si ripropone oggi nella società moderna del consumo e dell'apparire, rinnovando positivamente le sue vesti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Parte I - Il Vizio 1.Storia del vizio Dirigendo il nostro sguardo al di là dell‟idea che le azioni piacevoli reiterate possano legarsi al vizio, è d‟obbligo in questa sede ampliare la nostra ricerca alle origini storiche e alla concreta nascita a livello sociale e letterario del nostro campo di interesse. Le radici storiche della classificazione dei vizi hanno confini nebulosi e incerti, a essi sono spesso attribuiti significati nefasti e ciò ci porta a volgere il nostro sguardo direttamente verso il cattolicesimo ed alla nozione culturalmente diffusa di peccato capitale; i 7 peccati capitali sono frutto di una riflessione molto importante per la teologia cristiana, eppure le sacre scritture non ne fanno menzione. La storia umana, nel tempo, ha avuto a che fare con vari tipi vizi ed eccessi comportamentali, i loro echi risuonano e ritornano in diverse epoche, manifestandosi in modo peculiare per ogni cultura, nei suoi valori e tradizioni ma anche nelle singolarità caratteriali spesso manifeste in molti personaggi storici vissuti in queste diverse società. Senza la pretesa di essere esaustivi, riportiamo qui diversi distillati storici del passato legati alla storia del vizio; il tempo ci riporta innanzitutto alle prime riflessioni sui comportamenti umani dei grandi intellettuali provenienti da epoche antiche, primi fra tutti, i sapienti della Grecia arcaica. 1.1 - Le società arcaiche, storia Greco-Romana La tradizione culturale greca e la sua grande speculazione filosofica hanno inizio nel IX-VIII sec, epoca a cui si può far risalire la composizione scritta dell‟Iliade, dell‟Odissea e delle opere di Esiodo; in questi testi sono già riscontrabili allusioni velate o più esplicite ai vizi o agli eccessi comportamentali: Omero descrisse la figura di Ulisse come un truffatore astuto e fortunato, nell‟Iliade l‟ira di Achille non solo è l‟argomento con cui sia apre il poema, “Cantami, o diva del Pelìde Achille l’ira funesta che infiniti addusse lutti agli achei..”, ma anche il suo fulcro narrativo. Altri racconti della mitologia greca mostrano che gli dei stessi erano tutt‟altro che immuni ai vizi ed anzi, essi apparivano immersi in combutte, sotterfugi ed invidie degne di bambini litigiosi piuttosto che di modelli di integrità. Dal VI, al IV sec. la Grecia visse un‟epoca di grandi trasformazioni, la caduta delle grandi oligarchie ed il tumulto politico-sociale resero più cosciente il popolo dei suoi diritti, nacquero in questo periodo gli stati democratici, di cui Atene è l‟esempio più illustre, e con essi, nuove religioni; tra esse l‟orfismo ed il pitagorismo. Le origini del culto orfico 6 derivano non solo alla figura di Orfeo, leggendario cantore della tracia che affascinava con il suono della sua lira, ma affondano le radici nei culti egizi ed orientali legati alla metempsicosi, ed ai miti legati al dio Dioniso. Nell‟orfismo si ha infatti una radicale rottura con la religione olimpica fondata sulla separazione tra umanità e divinità. L‟anima, chiamata “daimon”, 6 Pollo M. (2012) “La caduta dell’angelo: sacro e tossicomania della modernità, un approccio di psicopedagogia culturale”. Società editrice Franco Angeli, Milano.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Flaminia Bramati Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 917 click dal 07/10/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.