Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicazione e marketing delle imprese agricole - La territorialità come strumento di crescita economica

Il lavoro intende portare alla luce le possibilità che agricoltura e territorio possono offrire nel momento in cui si realizza una fusione con il web 2.0. La tutela delle nostre tradizioni e la valorizzazione dei prodotti del Made in Italy sono la chiave per incrementare l'occupazione giovanile e il giro di affari. Il problema del settore primario è la mancanza di digitalizzazione e, grazie a figure nuove come in grado di mettere alla portata di click il lavoro di una vita, lo scenario nazionale può evolversi drasticamente.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’obiettivo della mia tesi è analizzare le forme di comunicazione e di marketing all’interno del frame delle imprese agroalimentari. Nell’ultimo decennio si è registrato un forte ritorno all’agricoltura, in tutte le sue forme. Sono innumerevoli gli esempi che possono raccontare questa realtà: storie di ragazzi che, in preda al senso di smarrimento portato dalla condizione socio- politico attuale, riabbracciano mestieri umili e artigiani, fatti di tradizione e territorialità. Aziende agricole specializzate, agriturismi, ristoranti, negozi improntati sulla vendita di prodotti km0 e biologici; le strade che può percorrere l’agricoltura di oggi sono le più diverse e sempre più specifiche. L’approccio deve sdoganare però i cliché del vecchio contadino: questa figura deve abbracciare l’attualità della comunicazione, del marketing e della promozione, non limitandosi ad arare i campi. Il ruolo del contadino/produttore deve evolversi a uno stadio di maggiore consapevolezza e presunzione, poiché il settore primario, con la giusta influenza, può essere l’economia del futuro. Questa è la grande differenza con il passato. Chi opera nel settore enogastronomico è ormai perfettamente cosciente che non si coltivano semplicemente dei prodotti, ma si tutelano e valorizzano le tradizioni di un paese, si proteggono ecosistemi, specie vegetali e animali, si educano le generazioni future al rispetto della terra, si mantiene in vita un sistema fatto di equilibri precisi che hanno portato alla nascita del nostro folclore. Il nuovo contadino conosce il potere del web 2.0 e lo deve usare a suo vantaggio come in una qualsiasi altra azienda. Bisogna coinvolgere emotivamente il consumatore finale, invogliarlo e incuriosirlo, fargli conoscere lo spirito della propria ditta e i valori che la animano creando un legame anche affettivo.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Noemi Reina Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3005 click dal 27/10/2015.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.