Skip to content

Gli studi di settore e la difesa del contribuente

Informazioni tesi

Autore: Elena Papandrea
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2011-12
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: Giurisprudenza
Corso: Scienze giuridiche
Relatore: AlbertoMarcheselli
Lingua: Italiano
Num. pagine: 49

Questa tesi riguarda l'accertamento fiscale mediante lo strumento degli studi di settore, tipo di accertamento che si applica nei confronti dei lavoratori autonomi e delle imprese che rientrano nel campo di applicazione di codesto metodo. Gli studi ricostruiscono i ricavi, i compensi e i corrispettivi dei soggetti accertati, valutano la congruità tra i redditi dichiarati e quelli determinati dagli studi e calcolano l'eventuale importo evaso. Nel primo capitolo viene analizzata la nascita di tale strumento partendo dalla riforma del 1973 che ne ha dato il via, passando per la creazione degli stessi mediante l'invio di questionari fino alla realizzazione dei cluster e della funzione matematica. Nel secondo capitolo viene spiegato cosa sono gli studi di settore (con il dilemma presunzioni semplici o legali) a chi si applicano e i problemi irrisolti. Il terzo capitolo documenta il contraddittorio per l'applicazione degli studi fase fondamentale per il contribuente e per il fisco e nell'ultimo capitolo vengono mostrati gli strumenti che il contribuente può utilizzare per difendersi dall'applicazione degli studi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 COME NASCONO GLI STUDI DI SETTORE Sommario: 1. La riforma del 1973 2. Le modalità di elaborazione degli studi 2.1 La normativa in materia 2.2 I questionari e i cluster 3. La natura dei decreti di approvazione degli studi 1. LA RIFORMA DEL 1973 La riforma fiscale del 1973 concernente gli accertamenti delle imposte sul reddito prevedeva un sistema di accertamento dei redditi incentrato sulla contabilità degli imprenditori e dei professionisti dove le infedeltà dovevano rilevarsi o rettificando le voci contabili nell’ambito di un accertamento analitico 1 , di cui al comma 1 dell’art. 39 del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 600, o dopo aver accertato le gravi irregolarità del comma 2 della medesima disposizione, prescindendo dalla contabilità. L’accertamento extracontabile era considerato come eccezionale e, di solito, successivo all’ispezione della contabilità. Tuttavia il legislatore già nel 1973 aveva considerato i casi in cui la contabilità non fosse utilizzabile perché il contribuente non l’avesse tenuta, perché l’avesse sottratta all’ispezione, perché con gravi errori, omissioni o con tante e inesatte indicazioni o irregolarità formali da rendere le scritture contabili assolutamente inattendibili prevedendo che, in tutti questi casi, gli uffici tributari potessero determinare la ricchezza imponibile usando dati o notizie raccolti o di cui erano venuti a conoscenza con possibilità di prescindere, in tutto o in parte, dalle risultanze di bilancio e/o di avvalersi di presunzioni 2 prive dei requisiti di gravità, precisione e concordanza (ex art. 39 comma 2). 1 L’accertamento analitico è l’accertamento che mira ad accertare l’eventuale importo evaso ricostruendo una o più componenti reddituali. 2 Per presunzione, detta anche prova indiretta, si intende ogni argomento attraverso cui, partendo da un fatto noto, si giunge a considerare provata un’altra circostanza, priva di prova diretta. Per aversi una presunzione è quindi necessario partire da un fatto noto per arrivare ad un fatto ignoto. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tributario
studi di settore
accertamento presuntivo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi