Skip to content

La diretta del mito. Atene 2004: come la tv racconta l'Olimpiade

Informazioni tesi

  Autore: Giulio Gambuti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Silvia Leonzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

I Giochi della XXVIII Olimpiade che si sono svolti ad Atene nel 2004 sono stati un grande evento per la storia dei Giochi Olimpici: dopo 108 anni di attesa, il braciere olimpico è tornato ad ardere lì dove i Giochi sono nati. L’Olimpiade greca è stata lo spunto per studiare l’evoluzione dell’industria olimpica, quale rappresentante massima dello sport di alto livello.
La tesi in questione studia come si è evoluto il rapporto tra i mezzi di comunicazione di massa, con la televisione in primo piano, e l’evento olimpico. Attraverso l’analisi dei risultati delle diverse edizioni dei Giochi, si evidenzia come le Olimpiadi possano essere inserite a tutti gli effetti tra quelle che Dayan e Katz chiamano “le grandi cerimonie dei media”. La continua crescita del numero di broadcaster che acquisiscono i diritti di trasmissione dell’evento, il costo sempre maggiore degli stessi diritti, l’aumento costante del numero di ore dedicate all’evento nei diversi palinsesti, l’incremento dell’ascolto mondiale che si registra in ogni edizione, dimostrano come i Giochi olimpici siano diventati, forse, il media event più importante.
Verificata l’evoluzione sempre più mediatica dell’evento olimpico, vengono studiati gli effetti che questa ha avuto sui Giochi.
La spettacolarizzazione dell’avvenimento sportivo legata alle esigenze televisive è la conseguenza più evidente, ma la sempre maggiore influenza dei media sull’evento a cinque cerchi ha portato molti altri effetti, alcuni positivi, tanti altri negativi.
Doping, sponsorizzazioni sempre più invadenti, afflussi economici sempre più ingenti, atleti resi divi e altro ancora, hanno contribuito a modificare i caratteri originali che il barone De Coubertin aveva assegnato alla sua “creatura”. Atene 2004 non ha costituito un’eccezione a questo trend.
La prima parte della tesi in questione è prettamente storica, dove si ripercorreranno le edizioni dei Giochi dal dopoguerra ai giorni nostri, con un breve accenno anche alle prime Olimpiadi, quelle dell’era antica.
La seconda parte è dedicata unicamente al binomio comunicazione e Olimpiadi, dove si analizzeranno le varie teorie comunicative legate ai grandi eventi mediali.
Nell’ultima parte invece, troveremo un’analisi di un caso specifico: la cerimonia d’apertura dei Giochi di Atene 2004. Rivivremo quei momenti, grazie anche alle preziose testimonianze dei due telecronisti Rai Claudio Icardi e Franco Bragagna.
Quello proposto è un viaggio approfondito nell’universo olimpico, nel tentativo di capire quale direzione prenderà in futuro: un futuro, almeno sembra, sempre più costoso e sempre più mediatico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione “Il ruolo dello sport è altrettanto importante e durevole nel mondo moderno come lo fu nel mondo antico. Esso riappare però con caratteri nuovi: è internazionale e democratico. Ma oggi come un tempo la sua azione sarà utile o dannosa secondo il partito che se ne saprà trarre e secondo la direzione verso cui lo si indirizzerà. Lo sport può mettere in gioco le passioni più nobili come le più vili; può sviluppare il disinteresse e il sentimento dell’onore come l’amore del guadagno; può essere cavalleresco, corrotto, virile o bestiale; infine, lo si può usare per consolidare la pace, così come per preparare la guerra” Pierre De Coubertin I Giochi della XXVIII Olimpiade, che si sono svolti nel 2004 ad Atene, sono stati lo spunto per studiare l’evoluzione della comunicazione nel mondo olimpico, in particolare la narrazione dell’evento da parte della televisione. Come diranno due protagonisti come Franco Bragagna e Claudio Icardi, autori delle telecronache di apertura e chiusura di molte

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi