Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Consumo e postmodernità: la nuova cultura dell'effimero

In questa tesi ho deciso di analizzare il fenomeno del consumo nell'attuale società contemporanea e le nuove caratteristiche del consumatore postmoderno. Servendomi delle principali argomentazioni degli autori classici e contemporanei che si sono occupati del tema, e attraverso un costante riferimento a Zygmunt Bauman nell'intero corpo della tesi, il mio proposito è di mettere a fuoco il passaggio dalla modernità alla postmodernità, chiarendo cosa vuol dire parlare di “modernità liquida” all'interno dell'attualissima società dei consumi. La precarietà, l'instabilità, la vulnerabilità sono le caratteristiche più diffuse (nonché le più percepite) della condizione di vita contemporanea. L'epoca solida ha lasciato spazio a quella gratificazione immediata, quel consumo fugace, immediato, senza controllo, che fa sì che l'individuo sia portato a vivere ogni attimo della sua vita in maniera totalitaria, in modo che neanche un attimo vada sprecato: nasce una vera e propria cultura dell'effimero. L'effimero appare come una sorta di must che l'individuo deve seguire a tutti i costi per vivere a pieno la sua vita e il voluttario appare come la dimensione più idonea a rappresentare il proprio essere nelle società. Nuove dipendenze diventano l'emblema dell'attuale disagio e sintomatiche dei tempi in cui stiamo vivendo (il gioco d'azzardo e le dipendenze tecnologiche sono le due che ho deciso di approfondire), fatto sì da euforia, svago, divertimento, ma anche da una quotidianeità angosciante e insoddisfacente. Ritengo che il consumo costituisca un tema considerevole per riuscire a scandagliare più a fondo importanti questioni sociali connessi a questo fenomeno: pertanto esso è l'oggetto di indagine della mia tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questa tesi si propone l'obiettivo di analizzare il fenomeno del consumo nell'attuale società contemporanea, sia per quanto riguarda i fenomeni che questo comporta, sia l'influenza che esercita sull'individuo stesso. Servendomi delle principali argomentazioni dei teorici classici e contemporanei che si sono occupati del tema, e attraverso un costante riferimento a Zygmunt Bauman nell'intero corpo della tesi, il mio proposito è di mettere a fuoco il passaggio dalla modernità 1 alla postmodernità 2 , chiarendo cosa vuol dire parlare di “modernità liquida” 3 all'interno dell'attualissima società dei consumi. Uno dei più acuti analisti dei nostri tempi, Pierre Bourdieu, scrisse nel 1977 un saggio intitolato “Le précarité est aujourd'hui partout”, un titolo già di per sè molto esplicativo: la precarietà, l'instabilità, la vulnerabilità sono le caratteristiche più diffuse (nonchè le più percepite) della condizione di vita contemporanea. In un'era caratterizzata dall'assenza di quella sicurezza di lungo periodo che invece era presente nell'epoca “solida”, la gratificazione immediata appare come l'unico rimedio per contrastare questa mancanza; qualunque cosa possa offrire la vita, che la offra hic et nunc, all'istante. Prende forma una vera e propria “filosofia” del consumo fugace, immediato, senza controllo, che fa sì che l'individuo sia portato a vivere ogni attimo della sua vita in maniera totalitaria in modo che nemmeno un attimo vada sprecato. Lo stesso termine bisogno, come fattore che genera fenomeni di consumo, semplifica abbondantemente una realtà molto più complessa: protagonisti sono divenuti i desideri e non più bisogni. La vita non è più vista come un pellegrinaggio per raggiungere degli obiettivi, ma un vero e proprio gioco d'azzardo. E proprio il fenomeno del gioco d'azzardo e il sorgere di nuove 1 Nella storia del pensiero sociologico la modernità indica quella fase in cui hanno inizio, in seguito alla prima rivoluzione industriale e alla Rivoluzione francese, le radicali trasformazioni socio-economiche che investono l'Europa a partire dalla seconda metà del 1700. 2 Termine definito per la prima volta dal filoso francese Jean-Franḉois Lyotard, ne La condizione postmoderna, Feltrinelli, Milano 3 Metafora utilizzata da Z. Bauman per indicare l'attuale fase dell'epoca moderna. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Valentina Menotti Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4202 click dal 19/10/2015.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.