Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"Ci vuole un fiore". L'aquilegia e la sua simbologia nella pittura rinascimentale

L'aquilegia, fiore di campo usato in arte, in alchimia e in omeopatia dal Medioevo ai giorni nostri. Questa tesi si propone di farla conoscere come simbolo vegetale nelle opere di grandi artisti quali Pisanello, Hugo Van Der Goes, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio, Perugino, Albrecht Dürer, Vittore Carpaccio, Francesco Melzi, Cesare da Sesto e Bernazzano, Giovanni Antonio Boltraffio, Bernardino Luini, Giuseppe Arcimboldo, Giulio Cesare e Antonio Procaccini, Jacques II de Gheyn, Ambrosius Bosschaert, Jan Brueghel il Giovane, Orsola Caccia, Edward Burne-Jones, Eugene Grasset, e citazioni da erbari dal 1441 ai giorni nostri. Un do-ut-des tra il significato del fiore e quello dell'opera... tutto da scoprire!

Mostra/Nascondi contenuto.
0.1 Introduzione. L’aquilegia come simbolo ve- getale Il titolo di questa tesi vuole essere una citazione. Non solo di una famosa canzone il cui signicato ci ricorda come a volte i ori, delicati come sono, possano essere fondamentali; come l’infanzia, periodo della vita molto im- portante ed al quale la canzone si riferiva chiaramente. Ho pensato a questo titolo come citazione anche di ci o che artisti, committenti ed intermediari (fra queste due gure) hanno detto, prima o poi, riguardo ad una certa ope- ra d’arte: \Qui, in questo preciso punto, ci vuole un ore". Considerazione, questa, seguita immediatamente dalla decisione concernente quale ore rap- presentare e perch e quel particolare tipo di ore piuttosto che un altro. L’invito che propone questa tesi vuole essere quello di soermarsi a guardare un dipinto nella sua interezza, partendo dall’insieme, arrivando al particolare, per poi formulare delle ipotesi tornando all’insieme. Ipotesi di un signicato pi u o meno nascosto nell’opera, che comprende tanti e vari elementi. Molto e stato detto del possibile signicato nascosto in oggetti mobili, personaggi, animali; molto meno e stato arontato, in maniera profonda, il tema della simbologia vegetale. E’ naturale che tutti gli elementi abbiano un loro motivo per essere presenti in una data opera: si pu o pensare ad ognuno di essi come al tassello di un puzzle, parte di un messaggio ben preciso. Voler escludere l’elemento vegetale da un ritratto, un’Annunciazione, un’Allegoria o una Pri- mavera, e togliere parte dello stesso messaggio che l’Artista, l’Intermediario o il Committente volevano trasmetterci. Fu senza dubbio questa consapevo- lezza a motivare Mirella Levi d’Ancona nella scrittura di The garden of the Reinassance, un primo repertorio sulla simbologia vegetale e costituente la base di questo scritto. L’aquilegia e il soggetto-fulcro della mia tesi. Vedremo le sue caratteristiche botaniche, l’uso che se n’ e fatta in passato e oggi, le leggende legate ad essa, l’uso che se ne e fatto in letteratura, gli erbari in cui compare dal Medioevo in poi, per poi arrivare nalmente alla parte che pi u ci interessa, ossia come vari artisti la rappresentarono nel corso del tempo, soprattutto nel Rinascimento, e perch e. 3

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Sara Bacchiocchi Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 906 click dal 27/10/2015.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.