Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un'idea di benessere. Un'idea di città. Rimini Venture 2027, il Piano Strategico di Rimini

Il Piano Strategico di Rimini nasce dalla collaborazione e dal coinvolgimento di più di trecento persone e di una settantina di associazioni del territorio. Il risultato è stato uno strumento agile, integrato, plurale e multidisciplinare nelle mani di un'amministrazione comunale che l'ha fatto proprio, mettendolo in pratica sul territorio, oovvero rendendo concreta un'idea di città. Ma cos’è il benessere? Quanti tipi di benessere esistono? Può un Piano Strategico portare benessere a una città? Perché questo concetto fondamentale non diventi vuoto materiale pubblicitario, è necessario un ragionamento profondo sulla sua natura e il suo significato sociale. È necessario confrontarsi coi soggetti del benessere e qui sorgono altri quesiti. Chi sono i destinatari del benessere? Dei clienti? Dei cittadini? Una comunità? Sono attivi o passivi nei confronti di ciò che ricevono? O sono loro stessi a generarlo coi loro comportamenti? A questi e numerosi altri interrogativi questa tesi cerca di dare risposta. Perché non basta proclamare di avere una vision e una mission per costruire una proposta per la città che sia integrata, plurale, previdente, sostenibile e attuale. È necessario avere prima di tutto un’idea di città e un’idea di benessere. È necessario stabilire delle priorità e definire chiaramente il tipo di relazione che le connette. Questo lavoro si propone di contestualizzare la proposta del Piano Strategico di Rimini all’interno delle dinamiche globali di sviluppo economico e di pensiero sulla città, per sottolinearne affinità, divergenze, proposte alternative. Fra le sue aspirazioni vi è quella di mostrare la strettissima relazione che intercorre fra il linguaggio usato per parlare di città, benessere, crescita economica, cittadinanza e lo sviluppo di un’idea di città, benessere, crescita economica e cittadinanza. Il contesto culturale in cui si sviluppa un determinato intervento sullo spazio urbano e le persone che vi risiedono, è determinato da un linguaggio che si fa pensiero. Un Piano Strategico redatto senza ascoltare le voci della città e delle comunità su cui questo verrà applicato, non può che risultare invasivo e fallimentare. Lo strumento di pianificazione urbana riesce veramente a conseguire risultati importanti quando riesce a diventare portavoce di un’idea condivisa di presente e di futuro. Interrogarsi, prima di redigere un Piano Strategico, su quali siano le idee di città e benessere che lo fondano, è il primo passo per creare una comunità di comunità, in cui ognuno si senta libero di esprimere le proprie specificità, in un’ottica di collaborazione, accoglienza e ascolto, che renda attivi politicamente e dunque pienamente cittadini.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione Queste società moderne non si possono valutare solo sulla base dell’efficienza della loro struttura economica, ma soprattutto dal tipo di uomo che producono e dal tipo di vita che gli fanno fare. 1 Cos’è il benessere? Quanti tipi di benessere esistono? Può un Piano Strategico portare benessere a una città? Perché questo concetto fondamentale non diventi vuoto materiale pubblicitario, è necessario un ragionamento profondo sulla sua natura e il suo significato sociale. È necessario confrontarsi coi soggetti del benessere e qui sorgono altri quesiti. Chi sono i destinatari del benessere? Dei clienti? Dei cittadini? Una comunità? Sono attivi o passivi nei confronti di ciò che ricevono? O sono loro stessi a generarlo coi loro comportamenti? A questi e numerosi altri interrogativi questa tesi cerca di dare risposta. Perché non basta proclamare di avere una vision e una mission per costruire una proposta per la città che sia integrata, plurale, previdente, sostenibile e attuale. È necessario avere prima di tutto un’idea di città e un’idea di benessere. È necessario stabilire delle priorità e definire chiaramente il tipo di relazione che le connette. Questo lavoro si connota come multidisciplinare e non ha dunque la pretesa, anche e soprattutto a livello bibliografico, di essere esaustivo, ma si propone di contestualizzare la proposta del Piano Strategico di Rimini all’interno delle 1 T. Terzani, La fine è il mio inizio, Milano, Longanesi, 2011, pag. 163.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali

Autore: Lorena Fonti Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 187 click dal 06/11/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.