Skip to content

Dal riciclaggio all’autoriciclaggio: analisi di un’evoluzione normativa

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Barlottini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Ciro Grandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 154

Da "Introduzione":
La problematica del riciclaggio del denaro sporco è sicuramente di grande interesse ed attualità: mai come oggi, in un mondo globalizzato ed interconnesso, assumono sempre più rilevanza le condotte criminali tese ad occultare i proventi di delitto. Enormi quantità di denaro, opportunamente "ripulite" delle tracce illecite, assumono un valore "reale", diventando risorse economico-finanziarie a tutti gli effetti, suscettibili di essere immesse nel circuito lecito con gravissimo pericolo per l’economia legale e per il rispetto delle regole della concorrenza. Il denaro di provenienza criminosa innesca una spirale, un gorgo senza fine che divora l’economia lecita: per tale motivo il riciclaggio viene definito come una delle forme più insidiose di manifestazione della moderna criminalità.
Dal punto di vista contenutistico il presente lavoro, con la consapevolezza che gli aspetti, gli elementi e le considerazioni qui esposte certamente non possono essere considerate esaustive e complete, si prefigge di illustrare il fenomeno del riciclaggio dei proventi illeciti, riservando particolare attenzione al recente intervento normativo introduttivo dell’art. 648ter.1. c.p., rubricato «autoriciclaggio», rispetto al quale verrà offerta una riflessione inerente gli aspetti più pregevoli e le eventuali criticità.
L’analisi si articolerà offrendo, in un’ottica criminologica generale, un’iniziale ampia panoramica inerente la fenomenologia, cui seguirà una disamina degli elementi costitutivi delle due figure criminose, con ragionate considerazioni concernenti le elaborazioni dottrinali e giurisprudenziali prodotte in anni recenti. A queste riflessioni saranno accompagnate considerazioni di carattere comparatistico, alle quali sarà affiancata l’illustrazione delle proposte di riforma pervenute all’attenzione del Parlamento nell’ultimo anno. La trattazione si concluderà con alcune osservazioni circa la nuova disciplina in vigore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE V Introduzione La problematica del riciclaggio del denaro sporco è sicuramente di grande interesse ed attualità: mai come oggi, in un mondo globalizzato ed interconnesso, assumono sempre più rilevanza le condotte criminali tese ad occultare i proventi di delitto. Enormi quantità di denaro, opportunamente ‚ripulite‛ delle tracce illecite, assumono un valore ‚reale‛, diventando risorse economico-finanziarie a tutti gli effetti, suscettibili di essere immesse nel circuito lecito con gravissimo pericolo per l’economia legale e per il rispetto delle regole della concorrenza. Il denaro di provenienza criminosa innesca una spirale, un gorgo senza fine che divora l’economia lecita: per tale motivo il riciclaggio viene definito come una delle forme più insidiose di manifestazione della moderna criminalità 1 . In questo contesto è evidente come la lotta al fenomeno criminale assuma un compito fondamentale nel contrasto alla criminalità organizzata, anche transnazionale, poiché «il vero tallone d’Achille delle organizzazioni mafiose è costituito dalle tracce che lasciano dietro di sé i grandi movimenti di denaro connessi alle attività criminali più lucrose» 2 . Previsto dall’attuale art. 648-bis del codice penale, situato in chiusura del Capo II del Titolo XIII del codice penale (intitolato ai Delitti contro il patrimonio mediante frode) il riciclaggio dei proventi illeciti costituisce senza dubbio una figura delittuosa molto dibattuta in dottrina, frutto di una complessa evoluzione normativa tesa a contrastare le più avanzate forme di criminalità organizzata ed economica. A questa disposizione viene 1 P.L. VIGNA, in Prefazione a S. FAIELLA, Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale, Milano, 2009. 2 G. FALCONE, Tecniche di indagine in materia di mafia, ora in La posta in gioco, Milano, 2010, p. 237.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riciclaggio
voluntary disclosure
autoriciclaggio
l. 186/2014
money laundering

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi