Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La partecipazione nella Sicav

La società di investimento a capitale variabile (sicav) è una società per azioni di diritto speciale. Diviene allora particolarmente interessante capire la ratio delle deroghe al diritto societario comune che la sicav presenta. In particolare il bilancio della sicav si presenta in maniera pressoché analoga al rendiconto di un fondo e non consente di individuare un concetto di utile d'esercizio, di riserva, di capitale sociale.
Interpretando sistematicamente le norme dettate per la sicav si scopre la coerenza che ispira le deroghe al diritto societario, riconducibile, in ultima analisi, al particolare oggetto sociale della sicav.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo primo LA SICAV NELL’ORDINAMENTO GIURIDICO SOMMARIO: 1. La nascita della sicav. - 2. Sicav e fondi. - 3. La natura giuridica della sicav. - 4. Il modello società per azioni e le deroghe al diritto societario comune. 1. LA NASCITA DELLA SICAV. A norma dell’art. 1, 1° comma, lett. i del D.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 recante il Testo Unico in materia di intermediazione finanziaria 1 : ‹‹La sicav è una società per azioni a capitale variabile con sede legale e direzione generale in Italia avente per oggetto esclusivo l’investimento collettivo del patrimonio raccolto mediante l’offerta al pubblico di proprie azioni››. L’introduzione in Italia della sicav è avvenuta con il decreto legislativo n. 84/92 a seguito del recepimento delle direttive CEE n. 611/85 e n. 220/88 in materia di organismi di investimento collettivo in valori mobiliari 2 . L’obiettivo di queste due direttive era l’armonizzazione delle discipline comunitarie regolanti certi tipi di intermediari, analoghi per funzione economica ma molto diversi quanto a struttura giuridica, in vista della creazione di un diritto europeo omogeneo dei mercati finanziari 3 . Le direttive hanno, infatti, 1 Da ora semplicemente T.U. 2 Da ora o.i.c.v.m. 3 Sul punto si veda la direttiva CEE 20 dicembre 1985 n. 611 concernente il coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative in materia di taluni organismi

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Riccardo Pistoni Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1721 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.