Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Accertamento sintetico e redditometro: l'evoluzione recente della disciplina.

Al fine di ricostruire il percorso di sviluppo dello strumento e porre in evidenza virtù e limiti dello stesso, il presente lavoro di tesi, strutturato in due capitoli, analizzerà in chiave critica l’evoluzione di giurisprudenza, dottrina e prassi a riguardo; partendo dalle origini della disciplina moderna, identificabile con l’emanazione del D.p.r. n. 600 del 1973, e giungendo alle più recenti novità.
Più nello specifico, nel primo capitolo, dopo aver fornito il quadro giuridico di riferimento, l’attenzione si soffermerà sulla descrizione delle caratteristiche e della legittimità Costituzionale del vecchio strumento per poi spostarsi, nel secondo capitolo, sull’analisi della riforma del 2010 che, con l’emanazione del D.L. n.78, ha integralmente rivisto le precedenti disposizioni in materia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Negli ultimi anni, in un contesto internazionale funestato dalla gravissima crisi economico/finanziaria che ha portato ad una pesante recessione, ha acquisito sempre più rilevanza nel nostro Paese un problema per troppi anni sottovalutato: l’evasione fiscale. Recenti indagini ci attribuiscono, infatti, il poco invidiabile primato di paese Europeo con il maggior tasso di evasione fiscale, potendo vantare, si fa per dire, un’economia sommersa pari al 21% del PIL, circa 340 miliardi di Euro l’anno, e 180,9 miliardi di Euro di imposte sottratte ogni anno all’Erario. 1 In ragione delle enormi dimensioni che il fenomeno ha raggiunto nel corso degli anni, il tema dell’evasione rappresenta il momento centrale della politica fiscale, con cui i vari governi che si sono susseguiti al potere hanno dovuto misurarsi nel tentativo di arginare l’erosione del gettito erariale e raggiungere un miglior livello di equità sociale. Mai quanto ora, infatti, il recupero a tassazione dell’imponibile nascosto, o quanto meno di una parte di esso, rappresenterebbe una vera e propria boccata di ossigeno per i conti dello Stato, oltre che la chiave di una ritrovata credibilità in ambito Europeo. Alla base di una simile deriva vi è un circolo vizioso che, partendo da piccoli fenomeni evasivi o elusivi, intesi come la più semplice reazione del contribuente ai propri gravosi obblighi tributari (soprattutto in periodi di depressione economica, in cui la diminuzione della capacità contributiva rende intollerabile l’anelastica pressione fiscale esistente), spinge l’Amministrazione finanziaria, nel tentativo di garantire la propria sostenibilità, ad aumentare la pressione fiscale, e quindi ad “incoraggiare” nuova evasione. Una situazione in cui ad essere danneggiati saranno sempre i contribuenti onesti, che scontano l’onere derivante dall’altrui inadempimento sotto forma di nuove imposte o maggiori aliquote. Di fronte a tale scenario, constatata l’impossibilità per l’Amministrazione di sottoporre a controllo analitico ogni singolo contribuente, risulta essere un fattore critico di successo l’utilizzo di strumenti che, individuando incongruenze tra tenore di vita e reddito dichiarato, vadano a colpire gli evasori più incalliti ricostruendo “a ritroso” la base imponibile reale. In tale ottica, al pari di quanto accade in ambito commerciale con gli studi di settore, nel corso degli ultimi decenni ha assunto sempre maggior peso l’accertamento sintetico dei redditi delle persone fisiche, originariamente pensato come procedura “straordinaria” da utilizzare solo in via residuale. Uno strumento controverso e discusso, sospeso tra necessità di efficacia 1 Dati tratti dalla ricerca effettuata da KRLS Network of business, per conto dell’Associazione Contribuenti Italiani, 2012, disponibili on-line sul sito: www.contribuenti.it.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Luca Marrone Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 669 click dal 21/12/2015.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.