Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità professionale del chirurgo: aspetti giuridici e medico-legali

Con stile semplice,vengono descritte le fonti giuridiche della responsabilità medica e le caratteristiche della consulenza medico-legale, oltre ad alcuni aspetti di danno e le disposizioni della Legge Balduzzi. Vengono richiamate le sentenze della Suprema Corte a Sezioni Unite che rappresentano pietre miliari in campo penale e civile.
Il tutto alla luce anche della ultraventennale esperienza personale.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE Dal lato professionale ho avuto due interessi, la chirurgia generale e la medicina legale: avendo espletato la prima per quasi cinquanta anni ( di cui trentacinque in posizione apicale) e la seconda per oltre venti ( soprattutto come consulente tecnico di parte in tema di responsabilità medica) mi è sembrato naturale sviluppare con questa Tesi un argomento a me congeniale. Il tutto è stato possibile anche in virtù di una seconda Laurea in Giurisprudenza e di una ricca biblioteca personale, continuamente aggiornata, oltre ad abbonamenti a prestigiose riviste cartacee ed on line. Senza dubbio, valutare il comportamento di un collega è molto impegnativo, e non solo per questioni di natura etica e deontologica: per questo si preferiscono in genere le consulenze di parte “difensiva”. Quando, però, accade che una persona ritiene di aver subìto un danno e che vi chiede una valutazione medico-legale sull’operato di un collega, il problema si appesantisce e può essere risolto solo stilando una consulenza che sia onesta, corretta ed attendibile. E’ opinione personale che l’attendibilità di una Consulenza medico-legale non può basarsi solo sui criteri metodologici prescritti dalla dottrina medico-legale, sulle Linee guida, sulle indicazioni della buona prassi e sui dati biostatistici: essi, infatti, rappresentano solo delle indicazioni, ed è pertanto assolutamente necessaria la loro applicazione al caso concreto. Ne consegue la necessità di una valutazione che sia ex ante ( ovvero immedesimarsi nel contesto “storico” in cui sono avvenuti i fatti), non essendo sufficiente una semplice valutazione ex post : è pertanto fondamentale avere maturato una solida esperienza clinica e di sala operatoria. Tornando alla Tesi, nel rispetto del titolo, gli argomenti sono stati sviluppati indicando della responsabilità medica (e del chirurgo in particolare) prima gli aspetti giuridici e successivamente quelli medico-legali, anche alla luce degli aggiornamenti acquisiti sia in campo legislativo che giurisprudenziale. 3

Tesi di Master

Autore: Roberto La Rocca Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1431 click dal 16/12/2015.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.