Skip to content

Il déjà vu: una rassegna del fenomeno

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Marenzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze del Comportamento e delle Relazioni Interpersonali e Sociali
  Relatore: Nadia Monacelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

Si è voluto discutere di un argomento affascinante, a volte inquietante, quanto arduo da trattare; la curiosità, l'interesse e le esperienze in prima persona di esso, hanno portato alla scelta di prendere in esame questa (forse) illusione mentale che ha intrigato vari studiosi a partire dai primi filosofi, fino ad arrivare agli attuali neurologi e psicologi. Tuttavia esistono ancora molte perplessità e difficoltà nella ricerca di evidenze empiriche, in quanto, data la particolarità di un fenomeno così sfuggente e sporadico, non si possono replicare gli episodi in laboratorio e quindi non sono direttamente osservabili.
Nonostante ciò l'intenzione è quella di riportare un'ampia visione sulle teorie emerse nell'ultimo secolo e sulle varie ricerche nonché sulle metodologie a disposizione dei ricercatori e stilarne quindi spiegazioni che abbracciano diverse discipline, da quelle neuroscientifiche a quelle sulla memoria e attenzione.
Il déjà vu è un fenomeno ampiamente sperimentato dalle persone, è stato riscontrato in circa il 96% della popolazione (Sno & Linszen, 1990) 1e ancora la sua incidenza tra gli adulti è pari al 65 % e tra gli studenti è ancora più elevata, pari al 79 % (vedi Brown , 2004; Funkhouser 2009) ; tuttavia è privo di qualsiasi elemento identificabile che possa suscitare una risposta comportamentale verificabile, lacune che hanno causato impedimenti alla ricerca scientifica.
Gran parte della letteratura pubblicata abbraccia prospettive psicodinamiche o parapsicologiche e sebbene le interpretazioni psicodinamiche possano avere qualche valore esplicativo, si arriva a conclusioni troppo aleatorie per avere valore scientifico. Recentemente, tuttavia, alcuni ricercatori dell'approccio cognitivista hanno cominciato a tentare un lavoro empirico nella speranza di chiarire i meccanismi alla base di questa esperienza ( Hoffman, 1997; Jacoby, 1988; Jacoby, Allan, Collins, e Larwill, 1988; Jacoby & Whitehouse, 1989; Roediger, 1996; Schacter, 1996; Seamon, Brody, e Kauff, 1983.
Le ipotesi riportate sono un'interessante interpretazione del fenomeno e non devono essere trascurate ma anzi riprese o ampliate dalle future ricerche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Si è voluto discutere di un argomento affascinante, a volte inquietante, quanto arduo da trattare; la curiosità, l'interesse e le esperienze in prima persona di esso, hanno portato alla scelta di prendere in esame questa (forse) illusione mentale che ha intrigato vari studiosi a partire dai primi filosofi, fino ad arrivare agli attuali neurologi e psicologi. Tuttavia esistono ancora molte perplessità e difficoltà nella ricerca di evidenze empiriche, in quanto, data la particolarità di un fenomeno così sfuggente e sporadico, non si possono replicare gli episodi in laboratorio e quindi non sono direttamente osservabili. Nonostante ciò l'intenzione è quella di riportare un'ampia visione sulle teorie emerse nell'ultimo secolo e sulle varie ricerche nonché sulle metodologie a disposizione dei ricercatori e stilarne quindi spiegazioni che abbracciano diverse discipline, da quelle neuroscientifiche a quelle sulla memoria e attenzione. Il déjà vu è un fenomeno ampiamente sperimentato dalle persone, è stato riscontrato in circa il 96% della popolazione (Sno & Linszen, 1990) 1 e ancora la sua incidenza tra gli adulti è pari al 65 % e tra gli studenti è ancora più elevata, pari al 79 % (vedi Brown , 2004; Funkhouser 2009) 2 ; tuttavia è privo di qualsiasi elemento identificabile che possa suscitare una risposta comportamentale verificabile, lacune che hanno causato impedimenti alla ricerca scientifica. Gran parte della letteratura pubblicata abbraccia prospettive psicodinamiche o parapsicologiche e sebbene le interpretazioni psicodinamiche possano avere qualche valore esplicativo, si arriva a conclusioni troppo aleatorie per avere valore scientifico. Recentemente, tuttavia, alcuni ricercatori dell'approccio cognitivista hanno cominciato a tentare un lavoro empirico nella speranza di chiarire i meccanismi alla base di questa esperienza ( Hoffman, 1997; Jacoby, 1988; Jacoby, Allan, Collins, e Larwill, 1988; Jacoby & Whitehouse, 1989; Roediger, 1996; Schacter, 1996; Seamon, Brody, e Kauff, 1983) 3 . Le ipotesi riportate sono un'interessante interpretazione del fenomeno e non devono essere trascurate ma anzi riprese o ampliate dalle future ricerche. 1Akira R. O'connor, Cristopher J.A. Moulin- Normal patterns of déjà experiences in a healthy, blind male: Challenging optical pathway delay theory. 2006 2. Arthur Funkhouser, Michael Schredl- The frequency of déjà vu (déjà reve) and the effects of age, dream recall frequency and personality factors. 2010 3 Alan S.Brown – A review of the Déjà Vu Experience 2003 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi