Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il tema della riforma del Senato dal 1948 ad oggi

In attesa che la tanto acclamata riforma costituzionale del Governo Renzi termini il suo iter legislativo, con la relativa istituzione del nuovo Senato rappresentativo degli enti territoriali, è sembrato opportuno approfondire la questione, muovendo dalla constatazione che il dibattito sulle riforme costituzionali, e in particolare sul ruolo che la Camera Alta deve rivestire, è sempre attivo e attuale. Infatti, il tema della riforma del Senato e del conseguente superamento del bicameralismo paritario delineato in Assemblea costituente, si ripropone regolarmente nel panorama politico-culturale, quasi a configurarsi come ricorso storico, e continua tutt’oggi ad essere al centro del dibattito, costituendo sempre fonte di divergenze sia in ambito dottrinario che in sede politico-istituzionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione In attesa che la tanto acclamata riforma costituzionale del Governo Renzi termini il suo iter legislativo, con la relativa istituzione del nuovo Senato rappresentativo degli enti territoriali, è sembrato opportuno approfondire la questione, muovendo dalla constatazione che il dibattito sulle riforme costituzionali, e in particolare sul ruolo che la Camera Alta deve rivestire, è sempre attivo e attuale. Infatti, il tema della riforma del Senato e del conseguente superamento del bicameralismo paritario delineato in Assemblea costituente, si ripropone regolarmente nel panorama politico-culturale, quasi a configurarsi come ricorso storico, e continua tutt’oggi ad essere al centro del dibattito, costituendo sempre fonte di divergenze sia in ambito dottrinario che in sede politico- istituzionale. L’analisi inizialmente si concentrerà sull’esame dei lavori preparatori alla Costituzione, illustrando l’assenza di una posizione condivisa, tra le varie forze politiche, in principio sulla scelta tra monocameralismo e bicameralismo, successivamente sulle funzioni da attribuire e sulle modalità di composizione della seconda Camera. Lo studio consentirà poi di rilevare come la scelta finale, frutto più di un compromesso tra partiti che di un progetto unitario, delineò l’adozione di un modello di bicameralismo eguale, paritario e indifferenziato, in virtù del quale entrambi i rami del Parlamento esercitano gli stessi poteri e gli atti parlamentari sono il frutto del necessario accordo delle due Camere 1 . Con le uniche differenze attinenti 1 P. CARETTI - U. DE SIERVO, Istituzioni di diritto pubblico, Torino, 2007, p.144.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Adriano Mirto Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 646 click dal 22/02/2016.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.