Skip to content

Una grande crisi, un'immensa opportunità.

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Sanfilippo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Maurizio Caserta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

La drammatica situazione economica e sociale, in cui numerosi paesi del mondo occidentale ristagnano, offre una straordinaria occasione per intraprendere da subito un’inversione di rotta, realizzando una nuova economia sostenibile. Tutto ciò attraverso l’adozione di un modello macroeconomico alternativo caratterizzato da nuovi indicatori di benessere differenti da quelli della macroeconomia neoclassica, in grado di misurare realmente la prosperità, la felicità ed il benessere di una popolazione.

Per oltre due secoli la crescita economica è stata il motore dello sviluppo, tanto da divenire per la stragrande maggioranza degli economisti e dei politici l’obbiettivo irrinunciabile per garantire la stabilità ed il benessere, ma l’analisi della situazione attuale e gli studi sulle proiezioni future sembrano smentire tale convinzione. «Nessun sottosistema di un sistema finito può crescere all’infinito: è una legge fisica».

La proposta che ha riscosso più successo negli ambienti economici per così dire tradizionali, è quella che punta a risolvere il dilemma della crescita illimitata attraverso un’impostazione basata sul concetto di “decoupling”. Secondo tale assetto ideologico, il progresso tecnologico dovrebbe essere in grado di modificare l’architettura dei processi produttivi, affinché produzione e consumo possano essere sempre più slegati dal throughput materiale, evitando così di entrare in collisione con i limiti ecologici o con la scarsità delle risorse. Anche se il decoupling da solo non risulta essere in grado di garantire la stabilità, a nostro parere è un importante tassello in un contesto in cui sono indispensabili tempestive rivoluzioni più che innovazioni istituzionali, sociali e tecnologiche.

La nostra analisi propone un modello che, alla crescita materiale illimitata, sostituisce l’indispensabile crescita culturale quale catalizzatore della ripresa e dell’evoluzione. È fondamentale infatti attuare preventivamente una significativa rivoluzione nel modo di pensare, per poter intraprendere quel cambiamento nel modo di agire, che ormai è divenuto ineludibile.

Una straordinaria e attendibile soluzione ai problemi fin ora esposti, ci viene suggerita dagli eccellenti studi di Gunter Pauli. L’impostazione da quest’ultimo proposta nel modello di Blue Economy, è ben sintetizzata dal concetto secondo cui «In natura non esistono disoccupati e neppure rifiuti. Tutti svolgono un compito e gli scarti degli uni diventano materia prima per altri». È la semplicità della natura a suggerirci come agire. L’obbiettivo della Blue Economy, non è infatti quello di introdurre correttivi al modello economico dominante, attraverso costosi investimenti a tutela dell’ambiente, ma quello di realizzare un sistema economico più simile agli ecosistemi, imparando da questi come funzionare, come adattarsi ai mutamenti e come evolvere. Il modello in questione trova la sua fondatezza scientifica nella “biomimesi”, la quale studia il comportamento degli ecosistemi, la loro capacità di rigenerarsi, di reagire agli shock esterni e di riorganizzarsi.

La Blue Economy promuove un processo produttivo che impiega il flusso circolare di energia e nutrienti forniti dalla natura, sfruttando quanto già presente nelle realtà locali e reimpiegando – quello che finora abbiamo definito scarti – in altri processi produttivi, al fine di eliminare il concetto di rifiuti. Pensare ad un’economia che segua la logica funzionale e strutturale degli ecosistemi, per ottenere livelli di efficienza superiori, maggiore occupazione, meno rifiuti ed inquinamento, e livelli più alti di benessere socio ambientale, assume un notevole fascino e fornisce una solida speranza. Ma quel che affascina di più, è sapere che tutto ciò è già concretamente realizzabile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Premessa Ogni qualvolta gli equilibri del sistema economico-finanziario vengono turbati tanto da generare gravi e profonde crisi, le menti di grandi economisti, capi di governo, sociologi e scienziati sono impegnate a trovare soluzioni che riescano a ristabilire il corretto funzionamento dei meccanismi macroeconomici. Un' attenta analisi storica dell' economia mondiale ci suggerisce che si è sempre proceduto in tale direzione introducendo correttivi in grado di eliminare le distorsioni del sistema economico-finanziario, attraverso interventi di politica economica fiscale e monetaria. A tal riguardo, sono stati elaborati numerosi modelli macroeconomici, in grado di fornire una buona rappresentazione della realtà, contenendo le informazioni necessarie per analizzare le strutture dei vari mercati, il loro funzionamento e le molteplici interconnessioni ed interdipendenze. Gli strumenti forniti da tali modelli hanno consentito inoltre, con un accettabile grado di affidabilità, di prevedere gli effetti delle varie politiche economiche nel breve, medio e lungo periodo, realizzando in tal modo il laboratorio virtuale nel quale gli economisti potessero individuare, verificare e quindi adottare gli interventi più appropriati per il conseguimento di specifici obbiettivi economici. Ma cosa succede quando il sistema economICO entra In una così complessa e persistente crisi capace di minare l'attendibilità del modello di riferimento? Cosa succede quando le misure di politica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sostenibilità
economia ambientale
impatto ambientale
crisi economica
modello macroeconomico
green economy
blue economy
gunter pauli
prosperita' duratura
deficit ecologico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi