Skip to content

L'arresto e il fermo

Informazioni tesi

Autore: Marco Vaccai
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2015-16
Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
Facoltà: Giurisprudenza
Corso: Scienze dei servizi giuridici
Relatore: LuigiLudovici
Lingua: Italiano
Num. pagine: 112

Il presente lavoro, sviluppato su tre capitoli, ha posto uno sguardo su come le misure precautelari hanno subito uno sviluppo nella direzione garantista a partire dal 450 a.c., epoca in cui furono scritte le “XII” tavole del diritto romano, passando attraverso il medioevo e l’età moderna, giungendo infine ai giorni nostri dove la libertà personale costituisce uno dei grandi principi a cui si ispira la Costituzione Repubblicana.
Dalla pena di morte come diretta conseguenza della scoperta di un furto in flagranza di reato siamo passati attraverso un sistema di detenzione, molto spesso portato fino ai limiti della durata “finché non sopraggiungesse la morte”, fino ad arrivare ad uno stato di privazione della libertà dove i diritti della persona ridotta in vinculis, anche grazie ai numerosi interventi delle istituzioni europee, vengono garantiti attraverso un doppio, se non triplo, controllo che passa attraverso una prima valutazione dell’ufficiale di polizia giudiziaria, un vaglio del pubblico ministero ed, infine, una decisione di un giudice chiamato a valutare l’operato degli inquirenti.
Si è inoltre portata in evidenza la giovane età del fermo di indiziato di delitto, introdotto solo recentemente all’interno del nostro codice (prese vita con il codice di procedura penale del 1930).
Un’analisi accurata è stata fatta sull’interconnessione degli istituti cautelari in esame ed i principi costituzionali, in special modo con l’art. 13 della Carta il quale enuclea i principi di “riserva di legge” e “riserva di giurisdizione”, che pongono un limite al potere degli organi giurisdizionali in virtù delle linee guida dettate dall’Habeas Corpus.
È stato affrontato il delicato tema della “flagranza” che in realtà ha lasciato e lascia tuttora ampi spazi al dibattito e alle interpretazioni della giurisprudenza e della dottrina, soprattutto dando uno sguardo agli interventi normativi del legislatore che, attraverso alcuni escamotage come l’introduzione della cosiddetta “flagranza differita”, ha tentato di estendere i casi in cui è possibile eseguire l’arresto. Nello stesso ambito si è cercato di chiarire i ruoli dei soggetti coinvolti, polizia giudiziaria e pubblico ministero, che, in realtà, nonostante il codice assegni agli uni (polizia giudiziaria) entrambi i poteri e agli altri (pubblico ministero) solamente il potere di fermo, si trovano ad operare in un sistema gerarchicamente organizzato che lascia si alla polizia giudiziaria la possibilità di operare di iniziativa, ma, comunque, riconosce al magistrato il potere di intervenire e disporre in merito ai provvedimenti presi e da prendere. Nonostante il codice privi il P.M. della facoltà di disporre l’arresto è stato evidenziato come, in realtà, in virtù del potere sopra richiamato, allo stesso sia comunque riconosciuta la possibilità di disporlo e sul tema si è espressa più volte anche la Corte di cassazione. Si è infine visto come in realtà l’arresto facoltativo non conceda un vero e proprio potere discrezionale alla polizia giudiziaria, ma leghi la sua applicazione alla presenza di determinati elementi che non lasciano spazio alla libera interpretazione dell’autorità di polizia.
Come ultimo aspetto sono state curate le attività della polizia giudiziaria e del pubblico ministero a seguito di arresto e fermo. Su entrambi, oltre a gravare il dovere di applicare le misure precautelari nel caso in cui la legge così disponga, grava certamente l’obbligo di eseguire una successiva verifica sull’attività compiuta e di garantire i diritti della persona privata della propria libertà rispettando un rigidissimo valzer tempistico il cui mancato rispetto porta, inesorabilmente, alla caducazione dei provvedimenti restrittivi assunti. Tra questi due soggetti si inserisce quindi l’opera del giudice, garante supremo, che con la sua opera è chiamato a giudicare l’attività degli inquirenti convalidando o meno la misura precautelare adottata e disponendo l’eventuale, ulteriore, misura cautelare richiesta dal pubblico ministero.
Infine sono state analizzate le possibilità di impugnare i provvedimenti del giudice da parte dei soggetti coinvolti (indagato e pubblico ministero).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
36 CAPITOLO 2 L’arresto in flagranza di reato e il fermo di indiziato di delitto 2.1 La flagranza del reato. Il concetto di flagranza del reato, come analizzato nel capitolo precedente, è un concetto che prende origine fin dai tempi piø antichi. Da un punto di vista del tutto etimologico il termine “flagranza” deriva dal verbo latino “flagro” che può essere tradotto in “bruciare” indicando in tal modo l’atto del consumarsi e la percezione, quindi, di un fatto al momento in cui accade. Nello stato di flagranza il reo viene colto sul fatto. Nel Codice di Procedura Penale attualmente in vigore ed approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447, lo stato di flagranza costituisce il primo presupposto per l’arresto (obbligatorio o facoltativo che sia) ed è disciplinato dall’art. 382 e piø precisamente dalla prima parte del comma 1 che ne offre una definizione autentica: «E’ in stato di flagranza chi viene colto nell’atto di commettere il reato ovvero chi, subito dopo il reato, è inseguito dalla Polizia Giudiziaria, dalla persona offesa o da altre persone ovvero è sorpreso con cose o tracce dalle quali appaia che egli abbia commesso il reato immediatamente prima». Lo stato di flagranza, ai sensi dell’art. 382 cod. proc. pen., si caratterizza per lo stretto collegamento tra la condotta commissiva del reato, o quella ad essa immediatamente successiva, e la percezione della medesima da parte della polizia giudiziaria. Il collegamento sussiste, e l’arresto è legittimamente operato, quando sia trascorso un certo lasso di tempo, anche non breve, durante il quale l’azione della polizia giudiziaria si sia svolta senza soluzione di continuità, anche con la finalità di espletare quegli accertamenti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi