Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Ecopsicologia applicata all'Educazione ambientale: un nuovo modello per l'Etica dell'ambiente

I precursori dell’ecopsicologia – disciplina nata dall’incontro tra ecologia e psicologia per affrontare e risolvere “insieme” i problemi, le esigenze e le aspirazioni dell’uomo e dell’ambiente – sono l’ecologia, la psicologia e la psicologia ambientale.
Fondata nel 1989 da Theodore Roszak (1933-2011), che la concepì come la scienza della “riconnessione” tra uomo e ambiente, l’ecopsicologia si prospetta come la “dolce medicina” capace di “curare” l’alienazione uomo-natura, intervenendo con proposte etiche, formative, educative, riabilitative e terapeutiche (ecoterapia) affinché questo ricongiungimento si possa realizzare a beneficio di entrambi su diversi livelli. Secondo l’ecopsicologia l’inquinamento dell’ecosistema ha procurato una crisi ecologica e ambientale, che a sua volta ha determinato anche una crisi esistenziale. Si tratta dunque di una crisi etica, antropologica e culturale prima ancora che ecologica; perciò non è possibile affrontare i problemi ambientali senza indagare anche le determinanti psicologiche.
Nel corso della storia si sono affermate varie teorie di etica ambientale, che è possibile sintetizzare in tre modelli principali: antropocentrismo, biocentrismo ed ecocentrismo, quest’ultimo approvato e sostenuto fortemente dall’ecopsicologia che propone innanzitutto un cambiamento di paradigma, suggerendo di passare dal modello egocentrico a quello ecocentrico. Affinché possa avvenire questo cambio di rotta, l’ecopsicologia investe tantissimo sulla crescita e sull’evoluzione personale, finalizzando l’autorealizzazione individuale verso il concreto sviluppo di una coscienza planetaria. Questa giovane disciplina non è anti-industriale ma post-industriale, poiché boccia il modello egocentrico, in cui l’uomo occupa l’apice della piramide della vita, promuovendo quello ecocentrico, nel quale l’essere umano è inglobato nel cerchio della vita per fare il salto di qualità da Homo sapiens a Homo noeticus.
Uno degli ambiti di applicazione dell’ecopsicologia è l’educazione ambientale (EA), in cui confluiscono contenuti, saperi e competenze legate sia all’area umanistica che si occupa di educazione sia all’area scientifica che si occupa di ambiente ed ecologia. Recentemente è stato proposto di sostituire il termine educazione ambientale (EA) con quello di educazione all’ambiente e alla sostenibilità (EAS), poiché inserendo il concetto di sviluppo sostenibile si farebbe implicito riferimento anche al fattore economico e sociale della comunità globale.
Le idee, i principi e i modelli teorici applicati dall’ecopsicologia all’educazione ambientale provengono da diverse discipline, pertanto troviamo: l’ecosofia e gli otto principi dell’ecologia profonda di Naess, l’inconscio ecologico di Roszak; l’identità, la coscienza e la cittadinanza terrestre di Morin; le quattro ecologie e la coscienza planetaria di Boff; l’ecologia della mente di Bateson; l’intelligenza emotiva, sociale ed ecologica di Goleman; l’intelligenza naturalistica di Gardner; la biofilia di Wilson; l’anima dei luoghi di Hillman; la legge di complessità e coscienza di Teilhard de Chardin con la sua noosfera; e il principio responsabilità di Jonas.
Un percorso di educazione ambientale ecopsicologicamente orientato coinvolge l’individuo sul piano fisico-sensoriale (corpo), cognitivo (mente), emotivo-affettivo (cuore) e spirituale (anima), e coltiva questi campi della natura umana promuovendo relazioni ecologiche con se stessi, con gli altri e col mondo fondate su attenzione, ascolto, rispetto, presenza, empatia, dialogo e sinergia.
La maggior parte dei percorsi di educazione ambientale si rivolge quasi esclusivamente alle scuole di ogni ordine e grado, ma i trattati nazionali e internazionali più rilevanti in materia parlano chiaramente di educazione permanente e di life long learning, quindi di un’educazione ambientale che dovrebbe interessare e coinvolgere tutte le fasce di età e tutti i contesti culturali, formativi, ricreativi, riabilitativi e terapeutici della società. L’ecopsicologia, infatti, opera in campo educativo non tanto per “dare” qualcosa ai bambini, ai ragazzi, agli adulti e agli anziani quanto per “aiutarli” a ritrovare quel “legame” col mondo che essi hanno ancora potenzialmente vivo dentro di sé. La natura è per l’ecopsicologia “luogo” e “metodo di cura”, fonte di “autoconoscenza” e di “connessione” intima e profonda con la propria natura interiore e con l’ambiente esterno, che così torna a essere amico dell’uomo e l’uomo torna a curarlo e a rispettarlo come fonte di vita, energia e sostegno.
Il percorso ecopsicologicamente orientato condotto durante questo studio con il coinvolgimento dei quattro aspetti di base della natura umana – corpo, emozione, mente, spirito – mi ha permesso di conoscere meglio la Natura e comprendere meglio me stessa e gli “altri”.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE In tutte le cose della Natura c’è qualcosa di meraviglioso. Aristotele

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Veronica Leotta Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1785 click dal 22/01/2016.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.