Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

symBIOsis

Cosa vuol dire oggi parlare di rovine? In un’ epoca sempre più virtuale, le rovine sembrano essere delle specie in via di estinzione. Tuttavia proprio in questo momento esse sono vive, incarnazioni di paradossi moderni, di una materialità che svanisce, di un trascorrere irreversibile del tempo.

La ricerca pone l’ attenzione su quegli spazi definiti interstiziali, ovvero quei luoghi- non luoghi presenti nelle crepe del tessuto urbano.
Tutto ciò che nasce già abbandonato o lo diventa, viene ignorato o rigettato perché inservibile, rovinato o per sua stessa natura destinato ad essere contenitore di “rifiuto”.
Spazi di per sé insignificanti, residui di una storiamateriale apparentemente conclusa, fallita o inutile, sintomi della necessità moderna e soprattutto contemporanea di occultare il marginale.
Scarti urbani, le tracce anti-eroiche di un passato recente.
Tracce che non hanno la pretesa di essere contemplate. Si tratta piuttosto di essere viste con occhi nuovi, che ne facciano emergere gli aspetti più autentici, forse nascosti, ma comunque vitali. Forse in questo processo continuo di mimesi, la natura potrebbe nuovamente andare a interagire con il sistema dell’uomo e spingere a un avanzamento del sistema stesso.

L’intervento prende in considerazione i vuoti infrastrutturali, in particolare gli spazi sottostanti le strade sopraelevate.
In una continua tensione tra naturale ed artificiale, si crea un equilibrio sinergico. Nasce uno spazio quasi simbiotico, una collaborazione inaspettata tra l’opera umana e quella naturale.
Un filtro verde, una giungla urbana appesa nel vuoto che permetta una riqualificazione estetica e ecologica dell’ambiente.
Un sistema tubolare, su cui si sviluppa la vegetazione, è ancorato alla struttura della strada sopraelevata e ne trae la sua linfa vitale: l’acqua piovana e il traffico veicolare diventano fonti di energia per la sopravvivenza del sistema stesso.
L’utilizzo di piante come la tillandsia in grado di assorbire il pulviscolo atmosferico da respiro alla città stessa, e crea uno spazio di attraversamento nuovo, naturale.

Mostra/Nascondi contenuto.
ABOUT Cosa vuol dire oggi parlare di rovine? In un’ epoca sempre più virtuale, le rovine sem- brano essere delle specie in via di estinzio- ne. Tuttavia proprio in questo momento esse sono vive, incarnazioni di paradossi moderni, di una materialità che svanisce, di un trascorrere irreversibile del tempo. La ricerca pone l’ attenzione su quegli spa- zi definiti interstiziali, ovvero quei luoghi- non luoghi presenti nelle crepe del tessuto urbano. Tutto ciò che nasce già abbandonato o lo diventa, viene ignorato o rigettato perché inservibile, rovinato o per sua stes- sa natura destinato ad essere contenitore di “rifiuto”. Spazi di per sé insi- gnicanti, residui di una storia materiale apparentemente conclusa, fallita o inutile, sintomi della necessità moderna e soprattutto contemporanea di occultare il marginale. Scarti urbani, le tracce anti-eroiche di un passato recente. Tracce che non hanno la pretesa di essere contemplate. Si tratta piuttosto di essere viste con occhi nuovi, che ne facciano emergere gli aspetti più autentici, forse nascosti, ma comunque vitali. Forse in que- sto processo continuo di mimesi, la natura potrebbe nuovamente andare a interagire con il sistema dell’uomo e spingere a un avanzamento del sistema stesso. L’intervento prende in considerazione i vuoti infrastrutturali, in particolare gli spazi sottostanti le strade sopraelevate. In una continua tensione tra naturale ed artificiale, si crea un equilibrio sinergico. Nasce uno spazio quasi simbiotico, una col- laborazione inaspettata tra l’opera umana e quella naturale. Un filtro verde, una giungla urbana appesa nel vuoto che permetta una riqualificazio- ne estetica e ecologica dell’ambiente. Un sistema tubolare, su cui si sviluppa la vegetazione, è ancorato alla struttura del- la strada sopraelevata e ne trae la sua linfa vitale: l’acqua piovana e il traffico veicolare diventano fonti di energia per la sopravvi- venza del sistema stesso. L’utilizzo di piante in grado di assorbire il pulviscolo atmosferico da respiro alla città stessa, e crea uno spazio di attraversamen- to nuovo, naturale.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Design e Arti

Autore: Valentina Ripamonti Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 384 click dal 12/01/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.