Skip to content

I disturbi specifici dell'apprendimento

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Bentivegna
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: UKE - Università Kore di Enna
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Serafino Buono
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

Nella maggior parte dei casi l’apprendimento avviene in modo automatico, ma non va trascurata quella minore percentuale di persone che presentano ostacoli in questo processo non più definibile “naturale”.
Le difficoltà sono caratteristiche tipiche di ogni apprendimento che normalmente svaniscono con il passare del tempo e con il processo di maturazione; però, per alcuni alunni, il deficit non ha il carattere della temporaneità e pertanto si configura come persistente e in grado di alterare i processi di apprendimento automatici quali lettura, calcolo e scrittura.
Queste difficoltà vengono definite DSA: Disturbi Specifici di Apprendimento, e hanno un ruolo clinico estremamente delicato e molto problematico. Essi interessano circa il 3-4% della popolazione scolastica e purtroppo tendono ad essere spesso interpretati come scarso impegno, pigrizia o semplice svogliatezza da parte del bambino.
Quando la loro interpretazione tende ad essere sbagliata, frettolosa e grossolana si creano situazioni problematiche vere e proprie, incrementate anche dalla sottovalutazione del disturbo stesso che non permette una diagnosi e un intervento tempestivi.
Inoltre, pur manifestandosi con diversa gravità, incidono pesantemente sul rendimento scolastico generale creando nell’alunno situazioni di disagio anche a livello relazionale e sociale.
Nell’ultimo ventennio si è assistito ad un evolversi dell’attenzione nei confronti di queste problematiche sia da parte della Legislatura Italiana che dagli studiosi internazionali, permettendo così la delineazione di leggi, teorie e interventi che potessero aiutare, spiegare e intervenire per migliorare le condizioni di vita di queste persone.
Il presente lavoro nasce da un personale interesse di approfondire le tematiche relative a tali disturbi e dalla possibilità lavorativa, di trovarmi di fronte a bambini con queste difficoltà. Esso è strutturato in tre capitoli ognuno dei quali affronta tematiche relative a vari e diversi aspetti dell’oggetto di studio.
Il primo capitolo offre una panoramica sui DSA e sulle loro caratteristiche principali, prima in modo generale, concentrando l’attenzione sulle definizioni avanzate dai diversi studiosi e su quelle delle nosografie tradizionali, poi più approfonditamente, in riferimento ai vari tipi di disturbi in particolare (dislessia, disortografia, discalculia).
Il capitolo successivo inquadra i principali modelli teorici di riferimento (di stampo psicologico, cognitivista, medico) in modo tale da avere una conoscenza adeguata sui principi generali che hanno segnato il percorso nello studio e nella ricerca di tali problematiche. Le teorie sono suddivise in riferimento al disturbo che cercano di spiegare, e di ognuna si menzionano gli alcuni studi che la confermano e quelli che la smentiscono.
Infine, il terzo ed ultimo capitolo focalizza l’attenzione sul percorso diagnostico, sulla prognosi e l’evoluzione, e su alcuni possibili interventi da attuare nella cura dei DSA. Inoltre, questa sezione, contiene un paragrafo relativo agli aspetti giuridici connessi ai Disturbi Specifici dell’Apprendimento e alla varie leggi emanate in materia di disabilità. Le considerazioni finali vengono esposte nella conclusione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO II 30 2.1. Introduzione La difficoltà di molti studiosi nel capire e interpretare in modo coerente la natura e il tipo di relazioni che legano tra loro i Disturbi Specifici di Apprendimento è dovuta alla complessità dell’oggetto di studio che in atto determina la mancanza di un modello teorico di riferimento condiviso in maniera unanime. Nonostante tutto, però, le varie discipline che si interessano allo studio dei DSA (dalla psicologia clinica, alla neuropsicologia cognitiva, alla neurobiologia, alla psicolinguistica, ecc…) stanno portando ad una migliore comprensione della loro natura, della loro eziologia, delle loro molteplici manifestazioni e infine dei loro reciproci rapporti. I modelli teorici a cui si fa riferimento di seguito costituiscono i pilastri guida nello studio dei Disturbi Specifici di Apprendimento. 2.2. Le teorie cognitiviste: la mente come un calcolatore Differenti autori proposero modelli conoscitivi basati sullo studio dei processi del funzionamento della mente poichè le spiegazioni fornite dal comportamentismo rispetto ad alcuni problemi centrali della psicologia (in primis: lo sviluppo linguistico) non erano esaustivi e adeguati, andando così a segnare la nascita della psicologia cognitiva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scrittura
apprendimento
strumenti
calcolo
dsa
disturbi
consensus conference
lattura

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi