Skip to content

Il fenomeno dell'abuso sessuale infantile: incesto, pedofilia, sfruttamento sessuale. Un approccio multidisciplinare.

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Quarello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Pierpaolo Martucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 337

In questa tesi il fenomeno degli abusi sessuali sui bambini, nelle diverse forme in cui si manifestano, viene trattato in maniera interdisciplinare con approcci di tipo psico-sociologico, criminologico e giuridico.
Nella prima parte i primi due capitoli propongono una breve analisi della storia della violenza (in particolare quella sessuale) all'infanzia, la storia dei costumi sessuali, una critica al ruolo della psicanalisi nella negazione degli abusi sui bambini. Da un punto di vista prettamente criminologico vengono presi in considerazione il concetto di delitto sessuale e di ''relativismo culturale'', spiegando il perché quest'ultimo deve essere superato. Il III cap. affronta i problemi connessi alla ricerca e fornisce dati sulla dimensione dell'abuso. Il IV cap. analizza in modo ampio la problematica dell'incesto (anche da un punto di vista psicologico) e, quella (spesso ben diversa) della pedofilia. Nella seconda parte, il V cap. si occupa di sfruttamento sessuale con particolare riferimento al turismo sessuale e ai luoghi maggiormente colpiti. Il VI capitolo è prettamente giuridico: vi si trovano le normative italiane in materia con cenni di raffronto alle diverse normative straniere; si introduce anche il concetto di abuso rituale. La parte speciale è relativa ad internet ed al ruolo delle associazioni pedofile, al loro linguaggio ed alle finalità. Visto il continuo evolversi della realtà del Web alcune cose possono essere cambiate, (il sito del kidsliberationfront è in parte modificato) ma rimane un interessante spunto per ulteriori ricerche sull'argomento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PARTE I CAPITOLO I VIOLENZA ALL'INFANZIA: QUALI RESPONSABILITA'. 1.1. Gli abusi sessuali sui bambini: un fenomeno antico.- 1.2.1. Freud e la psicanalisi. Quali responsabilità nella negazione degli abusi?.- 1.2.2. La critica di Alice Miller.- 1.2.3. Le posizioni di Masson, Ferenczi e Krüll.- 1.2.4. Altre opinioni. 1.1. Gli abusi sessuali sui bambini: un fenomeno antico. La violenza sui minori è una realtà millenaria nata con l’uomo. I bambini, fragili e immaturi, sono soggetti deboli e con scarse difese per sopravvivere e proprio questa loro debolezza ne ha fatto, nell’antichità, esseri inferiori, perché privi delle doti di un adulto, una sorta di mezze- persone. Privi di un preciso status sociale, un uomo immaturo con diritti immaturi. L’infanzia era fatta oggetto di autoritarismo vessatorio e forza e costrizioni erano tollerate e persino approvate come metodi educativi. Per controllare le manifestazioni aggressive individuali, l’uomo ha regolato i rapporti sociali sottoponendoli alla “legge”, un insieme di norme certe, la cui violazione prevedeva per i trasgressori “giuste” sanzioni. I rapporti tra adulti e bambini sono stati, invece, sottoposti alla sola regola dell’autorità paterna e dell’obbedienza filiale, 1 “all’interno di una società in cui si erano stabilite precise gerarchie di forza, di potere basate sul sesso e sull’età: così che il maschio ha a lungo prevalso sui maschi più deboli, sulle donne e sui bambini.” 2 Il pater familias aveva diritto di vita e di morte sui figli. Il bambino era considerato un essere vivente che aveva un'altissima probabilità di non sopravvivere. Per questo bisognava produrne in quantità, in modo tale da aumentare la percentuale di 1 ULIVIERI S., “Ieri e l’altro ieri. Per una storia della violenza all’infanzia”, in CAMBI F.- ULIVIERI S.,(a cura di), Infanzia e violenza. Forme, terapie, interpretazioni, La nuova Italia, Firenze, 1990, p.205. 2 CHESNAIS J.C., Storia della violenza in Occidente dal 1800 ad oggi, Longanesi, Milano, 1982. Pp. 19-20.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

criminologia
incesto
internet
pedofilia
abuso di minori
sfruttamento dei minori
turismo sessuale
sfruttamento sessuale
violenza sui minori
delitti sessuali
abusi rituali
antropologia criminale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi