Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le istituzioni comuni di giustizia penale europea

Il focus della trattazione verterà in particolare sull’evoluzione e sulle modalità di sviluppo della cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale le quali, peraltro, oltre ad avere garantito un deciso impulso alla costruzione dell’assetto attuale, hanno toccato, sotto molti profili, il diritto penale sostanziale e processuale, gettando le basi per quello che, negli anni venturi, potrà auspicabilmente qualificarsi alla stregua di un “diritto penale europeo”.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 Lo sviluppo in itinere del percorso di integrazione in materia penale: dalla cooperazione intergovernativa allo spazio di libertà, di sicurezza e di giustizia. SOMMARIO: Presentazione. ─ Sezione I. Le origini ed i primi sviluppi della cooperazione giudiziaria e di polizia. ─ 1. Una premessa in chiave criminologica. ─ 2. Gli ostacoli all’istituzionalizzazione. ─ 3. Il progetto di uno “Spazio giudiziario europeo”. ─ 4. Il Gruppo Trevi. ─ 5. Il programma di apertura delle frontiere interne. L’Atto Unico Europeo. ─ Sezione II. Gli accordi di Schengen. ─ 1. Premesse di un accordo. ─ 2. L’accordo del 1985 per la creazione di uno “Spazio di libera circolazione” … ─ 2.1. …e la Convenzione di applicazione del 1990. ─ 2.2. Il Titolo III CAS: “Polizia e Sicurezza”. La cooperazione giudiziaria e di polizia nel quadro degli Accordi di Schengen. ─ 2.3. L’assistenza giudiziaria penale come fondamento di uno “spazio giudiziario penale” nell’Area Schengen e la collaborazione contro il traffico di stupefacenti (cap. 6), armi da fuoco e munizioni (cap.7). ─ 2.4. Il sistema di informazione Schengen. ─ Sezione III. Il Trattato di Maastricht: la cooperazione in materia di giustizia e affari interni. ─ 1. La struttura a pilastri e le nuove metodiche di cooperazione. ─ 2. Un pilastro a “trazione intergovernativa”: il settore della giustizia e degli affari interni. ─ 2.1. Il quadro istituzionale disciplinato dal Titolo VI TUE. ─ 2.2. Le misure adottabili nella cooperazione in materia di sicurezza interna. ─ 2.3. Il “bilancio” di Maastricht. ─ Sezione IV. Da Amsterdam al programma dell’Aja: l’evoluzione della cooperazione in materia penale “a cavallo” tra il vecchio ed il nuovo millennio. ─ 1. Il Trattato di Amsterdam ed il “nuovo” terzo pilastro dell’Unione Europea. ─ 1.1.Gli strumenti normativi nel “terzo pilastro” riformato. ─ 1.2. I profili istituzionali nel Titolo VI e le competenze della Corte di Giustizia. ─ 2. L’integrazione degli Accordi di Schengen. ─ 3. Il ricorso alle cooperazioni rafforzate. ─ 4. Dal Trattato di Nizza al revirement sul Trattato costituzionale… “via” 11 settembre 2001. “L’alba” di Lisbona. ─ Sezione V. Il Trattato di Lisbona. ─ 1. Lo spazio di libertà, di sicurezza e di giustizia. ─ 1.2. Il superamento della struttura “a pilastri” ed il riformato contesto istituzionale. ─ 1.3. Le fonti dell’Unione Europea e gli strumenti normativi deputati (anche) alla realizzazione dello spazio di libertà, sicurezza e giustizia. ─ 1.4. I meccanismi decisionali. La procedura legislativa ordinaria e la procedura legislativa speciale. ─ 1.3. (Segue). La procedura di Emergency brake e la cooperazione rafforzata.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Tenca Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 819 click dal 25/03/2016.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.