Skip to content

L’importanza di rimanere padri in carcere: come sostenere e tutelare la relazione padre-figlio durante la detenzione

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Quaranta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Servizio sociale
  Relatore: Anna Zunino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

Capita spesso di credere che l’evento della detenzione provochi gravi conseguenze e si ripercuota solo e unicamente sulla vita del reo.Se, come alcune recenti ricerche hanno dimostrato, la detenzione ha numerosi effetti negativi sui figli - dall’emarginazione, a problemi nello sviluppo psicofisico, a ripercussioni sulle scelte future -appare inevitabile un’attenzione a questa problematica.
Nel presente elaborato si vuole fornire una panoramica della problematica, concentrando l’attenzione sul rapporto tra padre detenuto e figlio, cercando di far emergere l'importanza del mantenimento di tale relazione anche durante la detenzione. La scelta di concentrarsi sul ruolo della figura paterna è dovuta alla consapevolezza che, nonostante si presti più attenzione al ruolo della madre, la maggior parte dei detenuti italiani è di sesso maschile.
Nel capitolo I si inquadra la questione dal punto di vista normativo fornendo un excursus della legislazione internazionale e nazionale.
Nel secondo capitolo viene affrontato da un punto di vista prettamente psicologico il tema della genitorialità.
Nel terzo partendo dalla definizione della professione di assistente sociale e dai principi del codice deontologico, si evidenziano le radici dell’intervento sociale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 CAPITOLO I Il diritto ad essere padri e il diritto del minore ad avere un padre 1. Dei diritti e delle pene: un excursus tra Legislazione internazionale e Costituzione italiana Tutelare le persone private della libertà e successivamente anche i loro familiari, in particolari i figli, è da tempo interesse della Comunità Internazionale. Nel tempo si sono prodotti importanti riferimenti normativi per gli Stati aderenti, che hanno velocizzato il processo di affermazione di determinati diritti anche all'interno della normativa italiana. La prima affermazione dell'esistenza di una serie di diritti propri dell'uomo, inviolabili , universali e tutelati dallo Stato, avviene con l'emanazione, da parte dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, della “Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo” del 1948. Nella Dichiarazione viene previsto che nessun uomo possa essere sottoposto a tortura, maltrattamenti, punizioni crudeli, inumane o degradanti (art. 5), e che la maternità e l'infanzia debbano godere di speciali cure e assistenza sociale (art. 25); si stabilisce altresì che la famiglia è un nucleo naturale e fondamentale della comunità umana e va pertanto protetta dalla società e dallo Stato (art. 16). Pochi anni dopo, precisamente il 4 novembre del 1950, viene sottoscritta a Roma la “Convenzione Europea sui diritti dell'uomo”, resa esecutiva in Italia con L. 4 agosto 1955, n. 848. Gli articoli 2 e 3 ribadiscono il diritto alla vita e il divieto di ricorrere a torture, pene e trattamenti inumani. L'art. 8 richiede il rispetto per la vita familiare di un individuo, per la sua vita privata, il suo domicilio e la sua corrispondenza. ¨ l'articolo piø importante per genitori e figli: non solo obbliga gli Stati a proteggere gli individui dalle interferenze, ma crea per loro l'obbligo in positivo di intraprendere azioni per assicurare il rispetto di tali diritti. 1 Sancisce l'obbligo della Corte Europea di vigilare in merito al rispetto di tale articolo, prevedendo sanzioni 2 . 1 Si rimanda all'interpretazione data dalla Corte Europea dei diritti dell'uomo nella sentenza emessa dalla sez. V il 26 ottobre 2006 sul ricorso n.23848/04 Wallovà e Walla/Repubblica Ceca. Nella sentenza si afferma, con riferimento al caso di minori allontanati dai genitori per motivi di indigenza e povertà, che per l'art 8 della Convenzione Europea va interpretato come dovere dello Stato assicurare il rispetto della vita familiare, e in particolare pone in capo allo Stato il dovere di agire in modo tale da conservare, rinsaldare e incentivare i legami tra genitori-figli. 2 Non di rado si verificano situazioni in cui la Corte Europea chiede allo Stato di rimediare all'infrazione, pena nuove sanzioni: sanzione in cui è incorsa anche l'Italia, come da sentenza in data 8 gennaio 2013, per la violazione dell'art. 3, causata dell'odierna situazione di sovraffollamento carcerario, che contravviene al diritto ad un trattamento umano e dignitoso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi