Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La polizia di prossimità e la sicurezza percepita. Gli strumenti territoriali e comunicativi dell’Arma dei Carabinieri

Studio sui mezzi di prossimità e vicinanza nonché di comunicazione (tradizionali e online) che l'Arma dei Carabinieri e le forze di polizia e dell'ordine in generale mettono in atto per guadagnarsi la fiducia dei cittadini e rispondere alle sempre più crescenti esigenze di sicurezza, reale e percepita, della società. Il lavoro contiene una valutazione finale da parte degli stessi cittadini sulla funzionalità dei suddetti servizi offerti.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Negli ultimi anni è cominciato a circolare frequentemente il concetto di “prossimità” nei dibatti pubblici sulla sicurezza sociale. Tale espressione nasce da una traduzione letterale del termine francese “proximitè”, con il quale si intende il bisogno di un avvicinamento delle Istituzioni ai cittadini. Per il raggiungimento di ciò, si parte dall’analisi del concetto di “controllo sociale”, con i contributi dei diversi sociologi a partire dalla fine del XIX secolo, in particolare di Ross, Gurvitch e Parsons. Lo studio sul controllo sociale è basato essenzialmente sulla constatazione che nelle società più semplici vi è un ordine “naturale”, in quanto una conformità a valori morali e sociali è già intrinseca negli individui. In quelle società più complesse e più evolute invece ciò non è per nulla scontato; se la società si differenzia, anche il controllo sociale è differente e dovrà essere esercitato da Istituzioni appositamente costituite, in quanto si avrà un aumento delle devianze e un aumento della percezione di insicurezza e instabilità. In quest’ottica verrà dunque analizzato il concetto di “potestà di Polizia”. Questa esigenza di prevenzione e sicurezza ha portato all’esame del concetto di “nuova prevenzione”, caratterizzata da una alternativa sociale al sistema penale, attraverso la riduzione della criminalità con interventi mirati alle cause che determinano le devianze e indirizzati al recupero e reinserimento nella società del deviante. Per tale obiettivo nasce la necessità del coinvolgimento dei vari attori sociali, dalle Istituzioni alle associazioni e agli stessi cittadini.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Carmine Taurino Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 503 click dal 04/03/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.