Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto di interest rate swap e il suo impatto sul panorama nazionale

Analisi della fattispecie contrattuale dell'interest rate swap con riguardo all'utilizzo improprio osservato negli enti locali, con focalizzazione sui principali punti critici della normativa di settore e sulle pronunce giurisprudenziali, che hanno orientato l'attuale ordinamento. L'ultimo capitolo tratta il caso pratico del comune di Milano e più nel dettaglio quello del comune di Ariano Irpino.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Nessun derivato è un'isola felice” Professore Marcello Maggiolo L'inciso del Prof. Maggiolo riassume perfettamente il tema del mio lavoro: la fattispecie contrattuale dell'interest rate swap e il suo impatto(negativo) sul panorama nazionale, dovuto alla duplice incapacità del mondo finanziario (istituti di credito) e delle controparti pubbliche/private, di concorrere, anche se con ruoli diversi, al raggiungimento di uno sviluppo socio-economico del Paese, articolato per il settore privato e pubblico nel perseguimento dei fini di ristrutturazione dei debiti aziendali e nel conseguimento dei fini pubblici assegnati agli Enti, e nella possibilità, per le banche, di non cedere alla trappola della speculazione. Il problema della sottoscrizione di contratti finanziari derivati riguarda, da un lato, il mondo privato, dove a farla da padrona sono le piccole e medie imprese, senza peraltro dimenticare le note performance negative delle grandi realtà aziendali Cirio, Parmalat ed Enron, emblemi della radicale modifica dell'assetto capitalistico classico, e dall'altro il mondo pubblico degli Enti locali, che tra la fine degli anni '90 del secolo scorso e gli inizi del nuovo millennio ha intrapreso l'esplorazione di un nuovo habitat, regolato dalle prospettive offerte dal mercato finanziario, che quasi magicamente propinava la riduzione dell'esposizione debitoria tramite l'ausilio di multiformi strumenti finanziari. Il fulcro di questa tesi magistrale è rappresentato dall'analisi del ramo pubblico, ovvero della diffusione quasi contagiosa del fenomeno della finanza creativa negli 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Simone Annucci Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1024 click dal 29/04/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.