Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Osservazione scientifica della personalità del minore nel sistema penale minorile

L’elaborato tratta, in chiave socio psico pedagogica, il lavoro di osservazione scientifica della personalità del minore autore di reato nei servizi della Giustizia Minorile: Centro di prima accoglienza e Comunità ministeriale. Nel lavoro si individuano ed analizzano il contesto e l’utenza di riferimento, gli ambiti di osservazione, si illustra la strumentazione utilizzata e si propone un approccio metodologico utile ad addivenire all’osservazione scientifica della personalità del minore, presupposto necessario alla definizione del Piano educativo individualizzato. In chiusura si offre una panoramica sul procedimento penale, la normativa di riferimento e le fasi in cui si articola, con i possibili esiti ed evoluzioni. Allo stesso modo si presentano l’istituto della messa alla prova e il percorso di mediazione penale minorile, evidenziandone i presupposti ideologici, le peculiarità e le potenzialità. La metodologia illustrata tiene conto della prospettiva offerta e maturata nel corso del master e degli strumenti utili a costruire un quadro di osservazione della personalità dell'individuo autore di reato.
Il lavoro pur senza proporre nulla di innovativo potrebbe rappresentare uno strumento utile a chi si avvicina allo studio delle tematiche attinenti il lavoro nella Giustizia minorile.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione In questo elaborato si intende ricostruire il lavoro di osservazione scientifica della personalità del minore autore di reato, che entra in contatto con il sistema penale minorile, posto in atto dagli operatori della Giustizia Minorile, in particolare nei servizi Centro di Prima Accoglienza e Comunità Ministeriale in ogni fase e stato del procedimento. Si pone l’attenzione sulle procedure e le metodologie del “trattamento”, rivolto ai minori che entrano nel circuito penale, sulle opportunità di osservazione e sulle strumentazioni di cui si dispone, in particolare nell’area pedagogica dei Servizi Minorili. Le metodologie e le procedure vengono illustrate e, perché no, criticate alla luce della prospettiva offerta e maturata nel corso del master in “Scienze criminologiche, investigative e politiche della sicurezza”, per il quale si redige questo lavoro di tesi. Risulta fondamentale individuare e chiarire il contesto di osservazione, i servizi della Giustizia minorile, e a quali soggetti si fa riferimento, i minori dell’area penale, coinvolti nel complesso procedimento penale minorile; in seguito si passa ad una analisi dell’utenza, della strumentazione utilizzata, e dell’approccio metodologico, per addivenire all’osservazione ed a modulare l’intervento in relazione ai diversi tipi di reato ed alle peculiarità del minore autore di reato, o presunto tale. Il presente lavoro si allinea alla tesi, oramai condivisa, per cui la delinquenza minorile pur essendo un fenomeno unitario e globale, presenta delle indiscutibili differenze da motivare con la specificità di ogni singolo caso di devianza. In questo lavoro si illustrano alcuni degli strumenti operativi e delle metodologie utilizzate per specializzare e costruire intorno al minore una linea di intervento efficace che ponga in risalto le specificità dell’individuo.

Tesi di Master

Autore: Sandra Ricco Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 864 click dal 02/03/2016.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.