Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Doors e la rivoluzione culturale degli anni Sessanta negli Stati Uniti d'America

Nella mia tesi di laurea ho, avvalendomi degli strumenti propri della sociologia, tracciato un percorso analitico sul modo in cui determinate caratteristiche dei contesti socio-culturali possano generare un fenomeno artistico. Lo specifico riferimento al complesso musicale "The Doors" intende far luce su alcuni aspetti del decennio degli anni '60, attraverso l'analisi della storia dei singoli musicisti, l'analisi dei testi e la relazione che questi ultimi hanno con alcuni eventi specifici. Mi sono anche posta l'obiettivo di argomentare le problematiche legate alla percezione di un leader carismatico in campo musicale, in un'epoca in cui tutto ciò era piuttosto nuovo, per concludere il mio percorso con un quesito: I Doors: la prima band postmoderna?

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Ho sempre avuto le idee piuttosto chiare sull’argomento di quella che sarebbe stata la mia tesi di laurea. Nutro un interesse profondissimo per la musica, da quando ero bambina, e mi è stato particolarmente d’aiuto lo studio di materie di tipo sociologico per pormi delle domande, alla luce di una prospettiva teorica stimolante (appunto, quella sociologica, nei suoi vari campi di applicazione). L’analisi del fenomeno “Doors” risulta per me molto accattivante, essendo i Doors forse il primo gruppo rock che ho veramente amato e che tutt’ora ascolto con piacere. Mi propongo quindi, nel primo capitolo della tesi, di delineare un profilo generale del contesto in cui i Doors sono nati come band, con l’obiettivo di inquadrarli da una prospettiva in base alla quale essi sarebbero la band-simbolo della rivoluzione culturale, avvenuta in America negli anni Sessanta, e che ha avuto come evento centrale il famoso festival di Woodstock nel 1969. Il paradosso è che, al suddetto festival, i Doors non c’erano. Grandi assenti, perché il loro discusso, mitizzato, compianto leader aveva a suo carico una denuncia per atti osceni in luogo pubblico, risalente a qualche mese prima, poiché durante un concerto aveva, a quanto pare, mostrato i genitali in pubblico, dopo aver inveito e insultato i suoi stessi fan, apostrofandoli con epiteti come “fottuti idioti”. È in questa occasione che si configura il ruolo dei

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Licia Mapelli Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 296 click dal 13/06/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.